18 Dicembre 2018 |

7 buoni motivi per leggere le storie ai bambini

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
leggere storie ai bambini

L’abitudine di leggere le storie ai bambini ha molti aspetti positivi.


  1. Principalmente, la lettura diventa uno strumento di comunicazione tra famiglia e bambino, un momento per stare insieme, condividere ed elaborare sentimenti.
  2. A parte questo, leggere storie ai bambini li aiuta anche nella comprensione e la lettura del testo, e quindi anche un miglior successo scolastico
  3. Inoltre, nelle famiglie che praticano questa attività si comprano anche più libri per gli adulti. Promuovere la lettura ad alta voce ai bambini, molto precocemente, è utile perché è documentato che questa prassi ha effetto sullo sviluppo cognitivo e sul consolidamento del rapporto con i genitori.
  4. Leggere storie ai bambini piccoli, prima dei 5 anni, anche se non seguono la storia, aiuta piano piano a familiarizzare col libro in un modo piacevole, questo per il futuro, e nell’immediato sarà di giovamento al rapporto con i genitori.
  5. Per ovviare alla dichiarata mancanza di tempo di molti genitori si può consigliare loro di dedicare alla lettura almeno il periodo che precede l’addormentamento del bambino, stabilendo così delle precise abitudini per facilitare il sonno.
  6. Durante la lettura i genitori possono rendersi conto dell’interesse, delle espressioni e dei comportamenti dei propri figli molto più che durante il gioco libero.
  7. La lettura ripetuta può, inoltre, prevedere percorsi di complessità crescente: dalla semplice definizione degli oggetti rappresentati nel libro, alla classica lettura-racconto, fino alla creazione di favole che il bambino può inventare partendo dai materiali presenti nelle pagine del libro.

I pediatri possono avere un ruolo positivo nell’aiutare i bambini a crescere amando i libri e i genitori a trasmettere il piacere della lettura.

Ed ecco qualche informazione utile da sapere su come, quando e dove leggere le storie ai bambini.

In particolare, si può notare come, leggere ad alta voce ai bambini:

  • Crea l’abitudine all’ascolto
  • Aumenta i tempi di attenzione
  • Accresce il desiderio di imparare a leggere
  • E’ un’esperienza molto piacevole per l’adulto e il bambino.

Quando leggere con i vostri bambini?

  • Potete riservare alla lettura un momento particolare della giornata – prima del sonnellino o della nanna, dopo i pasti, magari scegliendo dei momenti durante i quali siete entrambi più tranquilli
  • Se il bambino si agita o è inquieto non insistete
  • Approfittate dei momenti di attesa – durante un viaggio, dal medico, in coda presso un ufficio pubblico
  • La lettura sarà di conforto al vostro bambino quando è malato.

Come condividere i libri con i vostri bambini?

  • Scegliete un luogo confortevole dove sedervi
  • Recitate o cantate le filastrocche del suo libro preferito
  • Cercate di eliminare le altre fonti di distrazione – televisione, radio, stereo
  • Tenete in mano il libro in modo che il vostro bambino possa vedere le pagine chiaramente
  • Fategli indicare le figure
  • Parlate delle figure e ripetete le parole di uso comune
  • Leggete con partecipazione, create le voci dei personaggi e usate la mimica per raccontare la storia
  • Variate il ritmo di lettura – più lento o più veloce
  • Fategli domande: cosa pensi che succederà adesso?
  • Lasciate che il bambino faccia le domande e cogliete l’occasione per parlare
  • Fate raccontare la storia dal vostro bambino
  • Lasciate scegliere i libri da leggere al vostro bambino
  • Rileggetegli i suoi libri preferiti anche se lo chiede spesso
  • Mettete a disposizione del vostro bambino quanti più libri possibile, portandolo anche in biblioteca.

Per saperne di più, visita il blog del Dott. Ferrando

Potrebbe interessarti anche