Guardia giurata uccide la moglie, si barrica in casa e spara dal balcone: poi il gesto estremo

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Tragedia questa mattina a San Giovanni a Teduccio, quartiere di Napoli, dove un uomo di 54 anni, Raffaele Pinto, ha ucciso la moglie Eva Kaminsha a colpi di pistola nel loro appartamento in via Raffaele Testa. L’uomo, una guardia giurata che aveva perso il lavoro, ha poi iniziato a sparare dalla finestra contro i passanti e contro una volante della polizia accorsa sul posto dopo l’allarme lanciato dai vicini.

Guardia giurata uccide la moglie e spara contro i passanti

Attimi di terrore tra gli abitanti del quartiere, con scene drammatiche di gente in fuga e riparata dietro le auto parcheggiate. Fortunatamente nessun passante è stato colpito dai proiettili esplosi da Pinto, mentre un’auto della polizia ha riportato alcuni danni. Dopo circa un’ora, le forze dell’ordine sono riuscite a fare irruzione nell’appartamento, trovando il corpo senza vita dell’uomo che nel frattempo si era suicidato con la stessa arma.

Irruzione della polizia nell’appartamento: lui suicida

La moglie Eva, di origini ucraine, è stata raggiunta da diversi colpi di pistola esplosi dal marito al culmine di una lite. La coppia aveva tre figli, due dei quali si trovavano a scuola al momento della tragedia, mentre il terzo era in gita con i compagni di classe. I vicini descrivono Pinto come una persona tranquilla e insospettabile, senza apparenti segnali di squilibrio nonostante avesse perso il lavoro per il tentato furto della sua pistola d’ordinanza.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria