Anche i serpenti hanno il clitoride: perché questa scoperta è importante

di Redazione

Gli scienziati hanno scoperto che i serpenti hanno il clitoride, infrangendo così la convinzione secondo cui solo i maschi avessero un organo sessuale. Ne dà notizia la BBC.

La ricerca, pubblicata oggi, mercoledì 14 dicembre, dà le prime descrizioni anatomiche dei genitali femminili del serpente dopo che i peni dei maschi (emipeni), biforcuti e con le punte, sono stati studiati per decenni.

L’organo sessuale femminile dei serpenti, però, era stato “trascurato” dagli studiosi, incapaci di trovarlo e, quindi, convinti che questi rettili erano “intersessuali”, come spiegato da Megan Folwell, dottoranda e ricercatrice capo. Lo studio è stato pubblicato su Proceedings of the Royal Society B Journal e, come accennato, ha individuato il clitoride nella coda di un serpente femmina.

I serpenti, come spiegato dai ricercatori, hanno due clitoridi individuali – emiclitori – separati dal tessuto e nascosti nella parte inferiore della coda. L’organo a doppia parete è composto da nervi, collagene e globuli rossi coerenti con il tessuto erettile.

La dott.ssa Folwell ha spiegato di avere cominciato a cercare il clitoride perché la letteratura sugli organi sessuali femminili dei serpenti, secondo cui ne erano privi, “non mi andava affatto bene. So che c’è in molti animali e non aveva senso che non ci fosse nei serpenti. Dovevo solo dare un’occhiata per vedere se questa struttura fosse lì o se fosse stata semplicemente persa”.

Image by Foto-RaBe from Pixabay

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

La ricercatrice ha cominciato con una Vipera della morte e ha trovato il clitoride – una struttura a forma di cuore – pressocché immediatamente, vicino alle ghiandole odorose che vengono utilizzate per attrarre i partner per l’accoppiamento. “C’era questa doppia struttura che era abbastanza prominente nella femmina, diversa da quella del tessuto circostante”, ha aggiunto.

Il team della studiosa ha, quindi, verificato questa struttura in una varietà di serpenti, sezionando un totale di nove specie tra cui il pitone tappeto, la vipera soffiata e la vipera cantil. Ebbene, in ognuno di essi sono stati individuati gli emiclitori che variavano di dimensioni ma erano distinti.

LEGGI ANCHE: Come creare un albero di Natale a prova di gatti

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Dottor Leo è il Golden retriever americano amato da tutti, soprattutto dai bambini e dai nonni di Treviso e provincia. Ha un dono incredibile: è un terapeuta naturale, nato per aiutare chi ne ha bisogno. Così lo definisce il suo proprietario, Alberto Condutti alla Tribuna di Treviso: «È un cane unico per la sua versatilità […]

2 min

In Finlandia più precisamente nell’Università di Helsinki è stata realizzata una classifica di cani più intelligenti. Da tenere in considerazione che il carattere dei cani non ha nulla a che fare con la razza. L’istituzione finlandese ha valutato mille esemplari con dieci diversi test di abilità, stilando la classifica dei più “prestanti” i cui risultati […]

2 min

Il contagio emotivo è un fenomeno estremamente comune, ma al tempo stesso speciale che si crea tra un cane e l’umano. Si tratta di una sorta di filo rosso per cui le emozioni di entrambi sono inevitabilmente connesse ed è la forma di empatia più dolce che ci sia. Quando ci si sente tristi, spesso […]

2 min

Si dice che i gatti sviluppino una paura incontrollata nei confronti dell’acqua, ma è realmente così? Ci sono gatti che amano l’acqua e sanno perfettamente nuotare, così come ci sono quelli che la odiano. Ma addirittura ci sono felini che sono stranamente attratti dall’acqua purché il getto sia leggero. Scopriamo insieme perché esiste questa convinzione! […]