26 Ottobre 2021 |

Verissimo, Alfonso Signorini sul compagno: “Insieme da 19 anni, il segreto? Il rispetto reciproco”

di Manuela Zanni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
  • A Verissimo Alfonso Signorini si è raccontato nel salotto di Silvia Toffanin.
  • “Diciannove anni di vita insieme“ ha detto  commosso, Alfonso Signorini parlando del suo compagno.
  • Sono lacrime di gioia e di serenità per quello che il suo compagno Paolo Galimberti gli dà da anni.

Sono lacrime di gioia, di serenità quelle che,  a Verissimo, Alfonso Signorini  ha versato raccontando la propria vita privata  nel salotto di Silvia Toffanin. “Diciannove anni di vita insieme“ ha detto, commosso, il giornalista  parlando del suo compagno.

Chi è il compagno di Alfonso Signorini

Il conduttore del Grande Fratello Vip e direttore di Chi è stato ospite di Verissimo e, in occasione dell’intervista nel salotto di Silvia Toffanin, ha raccontato  della sua relazione col politico forzista Paolo Galimberti.

Le parole di Alfonso Signorini sul compagno

Noi ci rispettiamo molto. Abbiamo due vite parallele nel senso che ognuno ha la sua casa, ognuno ha la sua vita però si sente sempre il bisogno di ritrovarci, di stare insieme e la qualità del tempo è quello che fa la differenza. Anche se abbiamo due caratteri molto diversi, ci vogliamo molto bene” ha detto Signorini con grande dolcezza e schiettezza.

Signorini: “Il segreto è il rispetto reciproco”

Con uno sguardo dolce e sincero il direttore di Chi ha continuato il racconto del suo Paolo: “Io ci sono per lui, lui c’è per me, abbiamo fatto tanto cammino insieme, a volte litighiamo in modo furibondo e non ci sentiamo. Però io mi ricordo sempre quello che mi disse mia madre a cui sai io sono legatissimo: a lei piaceva molto Paolo tant’è che il giorno che se n’è andata ha chiesto alla sua badante di mettere una t-shirt che le aveva regalato lui e se n’è andata con la sua maglietta addosso”.

Due caratteri diversi ma complementari

Abbiamo due caratteri molto diversi, ci vogliamo molto bene e so che io ci sono per lui e lui per me. È la qualità del tempo ciò che fa la differenza”.

 

La storia tra Signorini e Galimberti

Paolo Galimberti  è l’ultimo  compagno noto e conosciuto che  lo stesso presentatore ha ammesso e parlato raccontando  questa storia d’amore lunga quasi un ventennio.  La relazione è iniziata nel 2000 e, tra alti e bassi,  dura da allora anche se, in passato Signorini aveva  dichiarato di avere qualche problema di fedeltà, mettendo in mostra una visione un po’ particolare sotto questo aspetto.

 Signorini e Galimberti, nozze in vista?

I due non hanno mai parlato o pensato al matrimonio, probabilmente perché è un qualcosa di troppo impegnativo anche se  Alfonso Signorini  con questa intervista ha fugato ogni dubbio in merito alla presunta fine della sua storia con  Paolo Galimberti  rivelando di stare ancora insieme e di essere più felici, innamorati e in sintonia che mai.

 

La carriera di Alfonso Signorini

Alfonso Signorini continua a  conquistare tutti con la sua semplicità ed eleganza alla conduzione  del ‘Grande Fratello Vip’. Il giornalista. 57enne, oltre che sulla sua vita privata e sentimentale, in questo momento sembra essere concentrato sul lavoro e sulla sua esperienza alla conduzione del ‘Grande Fratello Vip’ che sta ottenendo, anche in questa sesta edizione, un grande successo consacrando il direttore di Chi, il re del gossip.

 

Alfonso Signorini vittima di bullismo

Ma non è tutto. A Silvia Toffanin, Signorini ha anche raccontato anche un momento delicato del proprio passato, svelando di essere stato vittima di bullismo alle scuole medie. “Dato che andavo bene a scuola, mi capitava spesso di consegnare i compiti in classe prima degli altri. Gli altri mi dicevano di suggerire, ma io ero talmente ligio al mio dovere che mi sono sempre rifiutato“, ricorda il presentatore. “Così mi bloccavano all’uscita della scuola, sputavano nei palloncini e me li scoppiavano in faccia. Non dicevo niente a nessuno, avevo paura. Quando li vedevo scappavo, cercavo di cambiare strada” ha concluso Signorini.