Alessandro Borghi ha la sindrome di Tourette, di cosa si tratta?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Alessandro Borghi si racconta durante una recente intervista rilasciata a Candida Morvillo del Corriere della Sera. Ha rivelato di essere affetto da Sindrome di Tourette.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi)

Alessandro Borghi: “Pensavo di avere tic. Era la Sindrome di Tourette”

Nell’intervista al Corsera, Alessandro Borghi ha rivelato: “A lungo ho pensato di avere dei tic, invece era Sindrome di Tourette. Sente che ogni tanto ho un respiro strano? Sono spasmi. È una sindrome neurologica, con vari sintomi: io ho gli spasmi o mi soffio sulle dita. Dopo la diagnosi ho smesso di considerarlo un problema, perché almeno adesso so che cosa ho. Mi sono dato una spiegazione ‘poetica’: il mio lavoro è mettermi nei panni di un altro; l’altro la Tourette non ce l’ha e quindi, in quel momento, neanch’io”.

Cos’è la Sindrome di Tourette

Si tratta di un disturbo neurologico e indica un quadro comportamentale che è caratterizzato da diversi tipi di manifestazioni anche psicologiche che sono presenti in altre sindromi. Infatti speso ci sono comorbilità con altri disturbi come quelli ossessivo compulsivi (DOC) e il disturbo da deficit dell’attenzione o iperattività (ADHD). Si manifesta con tic che possono essere motori o fonici. Sono improvvisi e ripetitivi. Quelli motori sono basati sul movimento, quelli fonici su dei suoni prodotti involontariamente con naso, bocca o gola. A volte vengono ripetute delle parole, anche degli insulti, ma del tutto involontari.

La sindrome di Tourette prende il nome da Gilles de la Tourette, che è stato il primo a fornire un quadro clinico molto rigoroso di questo disturbo in un articolo e una successiva pubblicazione più approfondita pubblicati tra il 1884 e il 1885. La sindrome era però già nota prima dell’intervento di Gilles de la Tourette, che era un allievo di Jean-Martin Charcot, famoso neurologo francese.

Come si cura la Sindrome di Tourette

La Sindrome di Tourette colpisce soprattutto i bambini e gli adolescenti, senza distinzioni di razza e luogo geografico, ma con una netta prevalenza tra i maschi rispetto alle femmine: gli uomini sono colpiti tra le tre e le quattro volte di più. C’è anche un’alta percentuale che i figli di persone con questa Sindrome la manifestino a loro volta o abbiano dei disturbi simili.

Nella maggior parte dei casi questo disturbo, apparso nell’infanzia o nell’adolescenza, tende a sparire man mano che l’individuo giunge all’età adulta. Ma ci sono anche casi di adulti che ne soffrono. Tuttavia il livello di gravità è solo raramente alto e solo in pochi casi la sindrome risulta invalidante per il paziente.

Per quanto riguarda la cura della Sindrome di Tourette, dunque, non sempre è necessaria, ma è più probabile che possa essere tenuta a bada senza farmaci. Ma nei casi più gravi si può ricorrere all’uso di medicinali come quelli a base di clonidina, clomipramina o può bastare la serotonina, che è un modulatore della dopamina, il neurotrasmettitore che è più coinvolto in questa sindrome.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]