13 Aprile 2017 |

Impianti dentali: indicazioni e controindicazioni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Tutto ciò che dobbiamo sapere sugliimpianti dentali, le indicazioni e controindicazioni in un articolo a cura del Dott. Boschian Pest, specialista in materia.

Gli impianti dentali sono delle riabilitazioni protesiche fisse che permettono di sostituire uno o più denti mancanti attraverso l’inserimento di una “vite” a livello dell’osso mandibolare o dell’osso mascellare, sulla quale viene posizionata una corona protesica che andrà a sostituire la corona del dente perso.

Il materiale con cui vengono prodotti gli impianti è il titanio, che risulta essere altamente biocompatibile, inerte e resistente.

Gli impianti sono consigliati in tutti quei casi in cui si ha la mancanza di uno o più elementi dentali, condizione da sempre considerata invalidante e che può generare spesso problemi sia a livello estetico che funzionale con difficoltà masticatorie, disturbi occlusali o muscolari.

Fondamentale è istruire ed educare il paziente a mantenere ottime condizioni di igiene orale poiché l’apparato di sostegno di un impianto è ben differente da quello di un dente naturale ed essendo molto più vulnerabile, vi è maggior rischio di infezione e di una sua rapida propagazione a livello delle strutture ossee più profonde.

Indicazioni e controindicazioni degli impianti dentali

Non sempre, però, è possibile ricorrere all’inserimento degli impianti dentali. Infatti, in presenza di alcune patologie o determinate condizioni, si possono avere sia problemi legati all’intervento in sé sia legati all’integrazione a livello dell’osso.

 

È controindicato questo genere di riabilitazione nei casi di:

  • parodontite attiva e scarse condizioni di igiene orale
  • condizioni anatomiche sfavorevoli (come atrofia ossea, strutture nobili a rischio)
  • episodi patologici cardiaci o cerebrovascolari negli ultimi 6 mesi
  • diabete non compensato
  • ipertensione non controllata
  • coagulopatie o piastrinopenie
  • assunzione di farmaci che agiscono sul metabolismo osseo (ad esempio i bifosfonati)
  • immunodeficienza o immunosoppressione
  • in tutti quei casi in cui non vi sia un buon rapporto costi/benefici.

Articolo scritto da: Dott. Luca Boschian Pest

www.studiogarattinibazzini.com

Potrebbe interessarti anche