Giulia Cecchettin, il testimone: “Ha chiamato aiuto e ho allertato il 112”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

C’è un testimone dell’omicidio di Giulia Cecchettin. Si chiama Marco Musumeci che ha dato l’allarme udendo le grida della ragazza, aggredita da Filippo Turetta, nel parcheggio a 150 metri da casa della vittima.

Musumeci, rispondendo a un giornalista al citofono, ha detto: “Sì, sono stato io a chiamare il 112 quella notte, certo. Che ore erano? Circa le 23 e un quarto, su per giù. Se ho sentito chiamare aiuto? Non posso rilasciare altre dichiarazioni. Ho già detto tutto ai Carabinieri e ai familiari della ragazza”.

Il femminicidio

Le due aggressioni subite da Giulia Ceccherin da Fabio Turetta sono da collocare in circa 22 minuti, tra le 23.18 e le 23.40 dell’11 novembre, tra la casa della ragazza e la zona industriale di Fossò.La ricostruzione è contenuta nell’ordinanza di custodia cautelare del GIP di Venezia, trasmessa per l’emissione del mandato di arresto europeo nei confronti di Turetta, per i resti di omicidio aggravato dalla relazione affettiva e sequestro di persona. Il primo episodio è stato ricostruito dal racconto del testimone, il secondo dalle telecamere di sorveglianza della zona.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria