03 settembre 2018 |

Acufeni: cause, sintomi e rimedi per il ronzio all’orecchio

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Quali sono i sintomi, le cause e i rimedi degli acufeni? Il ronzio all’orecchio è un sintomo molto comune, che si può accompagnare a fischi e alla sensazione di avvertire dei suoni improvvisi. Si tratta di un problema che colpisce circa il 20% della popolazione, mentre per il 5% costituisce una vera e propria disabilità. Ma quali ne sono le cause? E quali sono i sintomi da cui riconoscere la patologia?

Cause e fattori di rischio

Nonostante i vari studi scientifici, ancora non si sono scoperte le cause che determinano la comparsa degli acufeni. Pare che possano incidere l’esposizione ad ambienti molto rumorosi, il diabete, i problemi alla tiroide e l’uso di alcuni farmaci come antidepressivi, sedativi e anti-infiammatori. Anche l’alimentazione sembra possa essere un fattore concomitante. Ad esempio, sembra che l’assunzione di molti zuccheri, alcool e farine bianche possa favorire la comparsa degli acufeni. Ovviamente si tratta di fattori che da soli non determinano il disturbo ma che, se aggiunti ad altri, possono influire.

Infine, pare che la comparsa degli acufeni possa essere determinata da disturbi neurologici, infezioni, fumo di sigaretta, età avanzata, disfunzioni ormonali, alterazioni otologiche, aterosclerosi ed ipertensione.

Sintomi dell’acufene

Cos’è l’acufene? Chiarite le cause degli acufeni, resta da specificarne i sintomi. Il termine acufeni si riferisce ai ronzii alle orecchie, che spesso insorgono in maniera graduale per poi diventare sempre più intensi e frequenti. Ovviamente il tutto è molto soggettivo, quindi varia da persona a persona. Ad ogni modo, il soggetto colpito da acufeni riporta la sensazione di un fischio, un tintinnio, un rombo o ronzio. In altri casi viene descritto come un sibilo, un ringhio e persino un lamento.

Anche l’intensità del disturbo può variare, andando da un sottofondo sommesso ad un suono molto forte, capace perfino di coprire i rumori dell’ambiente circostante. Inoltre, l’acufene può essere intermittente o continuo, a volte pulsante, e può interessare una o entrambe le orecchie.

Cura per gli acufeni

Ad oggi, purtroppo, non esiste nessuna cura per l’acufene. La terapia per gli acufeni mira semplicemente a migliorare la situazione in cui versa il soggetto che ne è colpito. Se, invece, a determinarla sono le infezioni dell’orecchio si andranno a somministrare degli antibiotici ed il ronzio scomparirà di conseguenza. Stesso discorso per gli squilibri ormonali e per alcune malattie neurologiche o per i difetti vascolari. In tutti questi casi, agendo sulla causa che determina gli acufeni, questi scompariranno progressivamente.

Infine, qualora la comparsa del ronzio dipenda dall’assunzione di taluni farmaci, si consiglierà al soggetto colpito di smettere con questi preparati. Progressivamente la sensazione di ronzio scomparirà.

Altri rimedi per gli acufeni

Tra gli altri rimedi dell’acufene c’è anche la terapia farmacologica, che può essere pure utile per combattere alcune complicazione del tinnito, come l’ansia patologica o la sindrome depressiva. In alternativa si può ricorrere a dispositivi auricolari particolari, che riducono l’entità degli acufeni. Anche un semplice apparecchio acustico per la contrastare  riduzione dell’udito legata all’età, ad esempio, può alleviare il sintomo, migliorando le capacità uditive del soggetto colpito da ronzio all’orecchio. Altri dispositivi prevedono, invece, il mascheramento o la soppressione del tinnito mediante la somministrazione di suoni neutri. Si tratta sempre di apparecchi acustici da inserire all’interno dell’orecchio.

Infine c’è la Tinnitus Retraining Therapy, una terapia che dura alcuni mesi e mira a desensibilizzare il soggetto al suono dell’acufene o semplicemente modificare il modo in cui vive questo problema. Anche se non cura il sintomo in sé, un trattamento di questo genere può migliorare notevolmente la qualità di vita della persona affetta da tinnito. Al di là di queste indicazioni generali, comunque, al manifestarsi dei sintomi si consiglia di rivolgersi ad un medico per una diagnosi e una cura mirata. Qualora l’acufene abbia cause neurologiche, poi, si consiglia di consultare anche un medico neurologo.

Leggi anche:

Potrebbe interessarti anche