13 novembre 2015 |

10 ricette gustose per imparare a mangiare più pesce

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Scopriamo 10 ricette gustose per imparare a mangiare più pesce e variare la nostra dieta settimanale. Chi l’ha detto che il pesce si mangia solo il venerdì o al ristorante? Esistono tante ricette sfiziose a base di pesce da provare a casa, perfette per i vostri pasti in famiglia e per cene romantiche o con amici.

Siete delle amanti della carne e fate fatica a mangiare spesso il pesce? Niente paura: con queste ricette appetitose a base di pesce non vorrete mai smettere di assaggiare le tantissime preparazioni che crostacei, molluschi e pesce spinato nascondono. Scopriamo abbinamenti insoliti e modi creativi per preparare antipasti e secondi piatti di pesce originali per iniziare a cambiare le nostre abitudini alimentari inserendo questa fondamentale fonte di nutrimento. Sì, perché il pesce è ricchissimo di proprietà: contiene molte proteine, grassi insaturi ad alta concentrazione di omega 3, protegge la pelle e la vista, previene i disturbi cardiaci e aiuta lo sviluppo dell’intelligenza. Questi possono essere solo alcuni dei numerosi motivi per cui è importante aggiungere pesce alla nostra alimentazione così da fornire al nostro organismo numerosi benefici, deliziando anche il palato ovviamente. Ecco a voi 10 ricette per mangiare più pesce con il sorriso!

1. Spiedini di pesce

spiedini di pesce

Ingredienti:

  • 300 gr di pesce spada con uno spessore di almeno 3 cm
  • 300 gr di salmone
  • 200 gr di seppioline
  • 8 gamberi
  • 2 peperoni, 1 rosso e 1 giallo
  • 2 zucchine medie
  • 3 cucchiai di olio
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • 1 rametto di alloro
  • 4-5 rametti di timo
  • 1 ciuffo di aneto
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglie di salvia

Preparazione:

Cominciate a preparare gli spiedini di pesce tagliando lo spada e il salomne a cubetti di 3 cm. Pulite e sgusciate anche i gamberi lasciando la codina. Poi lavate e tagliate i peperoni a quadrati di 3 cm per lato e procedete anche con le zucchine che laverete e taglierete a rondelle di circa 0.5 cm. Prendete i bastoncini di legno per spiedini e iniziate a infilare in modo alternato gli ingredienti fino a quando avrete finito il pesce così da dare colore e movimento. Scaldate in una padella capiente l’olio,  mettete le erbe aromatiche tritate lasciando insaporire per un minuto circa, poi aggiungete gli spiedini di pesce facendoli rosolare per 5 minuti su ogni lato così da farli appena abbrustolire. Ora sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco, salate e pepate. Lasciate cuocere con il coperchio a fuoco basso per circa 15 minuti. Servite con patate o insalatina mista.

2. Arancini di riso venere con pesce e piselli

arancini riso venere e pesce

Ingredienti per gli arancini:

  • 300 gr di riso venere
  • 1 scalogno
  • 50 ml di vino bianco
  • olio di oliva extravergine q.b.
  • sale fino q.b.
  • brodo di pesce q.b.
  • 2 cucchiai di amido di riso
  • pepe macinato q.b.
  • 2 uova medie
  • semi di sesamo nero q.b. o pangrattato q.b.
  • olio di semi per friggere

Per il ripieno:

  • 200 gr di gamberi freschi
  • 200 gr di scampi freschi
  • 200 gr di triglie fresche
  • 150 gr di piselli
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine q.b
  • sale fino q.b

Preparazione:

Preparate gli arancini di riso venere con pesce e piselli iniziando dalla pulizia del pesce, conservando teste e carapaci per creare il vostro fumetto di pesce. Una volta pulito, tritatelo finemente al coltello e mettetelo da parte. Intanto in una padella capiente versate l’olio e aggiungete lo scalogno tritato fino a farlo appassire, poi aggiungete il riso venere e fatelo tostare. Versate il vino bianco nella padella e sfumate, poi di volta in volta, versate un mestolo di fumetto di pesce per far cuocere il riso venere. Considerate che questo tipo di riso ha un tempo di cottura maggiore rispetto a quello normale. Verso fine cottura, aggiungete due cucchiai di amido di riso per compattare il riso. Nel frattempo, mettete in un’altra padella dell’olio e fate imbiondire uno spicchio d’aglio intero, poi aggiungete il trito di pesce, salate e pepate e fate cuocere per circa 2 minuti. Aggiungete i piselli e cuocete pochi minuti. Dopo aver fatto raffreddare il riso e il ripieno iniziate a formare i vostri arancini. Mettete un po’ di olio sulle mani e appiattite un po’ di riso sul vostro palmo della mano creando una conca al centro. Aggiungete nella conchetta un po’ di ripieno e chiudete creando una pallina che potete allungare nella parte superiore per dare la classica forma dell’arancino che tutti conosciamo. Una volta creati i vostri arancini potete procedere con la pastella. Passate gli arancini prima nell’uovo sbattuto poi nel sesamo nero o nel pangrattato, a seconda dei gusti, per creare una panatura avendo cura di ricoprirli su tutta la superficie. Friggeteli pochi alla volta in abbondante olio di semi caldo, poi tamponateli con la carta assorbente da cucina e servite caldi.

3. Caponata di pesce spada

Caponata di spada

Ingredienti:

  • 300 gr di pesce spada
  • 150 gr di pomodorini piccadilly o datterini,
  • 50 gr di sedano bianco grammi 50,
  • ½ cipolla dolce piccola
  • 1 cucchiaio di pinoli tostati
  • 1 cucchiaio di olive nere meglio taggiasche
  • 1 cucchiaio di capperi
  • ½ peperone rosso
  • ½ peperone giallo
  • sale q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • ½ bicchiere di vino bianco

Preparazione:

Per preparare la caponata di pesce spada, prendete una padella antiaderente e versate all’interno un cucchiaio d’olio, uno di acqua e fate appassire la cipolla tagliata fine. Una volta pronta, toglietela dalla pentola e mettete nella stessa pentola i pomodorini incisi a croce nella parte superiore e inferiore, fate cuocere fino a quando la pelle inizia a staccarsi dalla polpa. Togliete la pelle e tagliateli a dadini, poi uniteli alla cipolla. Prendete un’altra pentola e mettete un cucchiaio di olive, un cucchiaio di capperi, il sedano tagliato a pezzettini e i due mezzi peperoni, privati della buccia e tagliati a cubetti. Aggiungete un goccio d’acqua, poi lasciate cuocere a fuoco medio fino a quando le verdure saranno morbide. Unite le altre verdure tenute da parte in una ciotola, avendo cura di lasciare nella pentola il condimento ottenuto. A questo punto aggiungete nella stessa pentola il pesce spada a cubetti unito ad un trito di fresco. Lasciatelo rosolare e sfumate con il vino bianco. Aggiustate di sale, se necessario, e ultimate la cottura. Una volta pronto, aggiungetelo al resto con un cucchiaio di pinoli tostati e un giro di olio a crudo.

4. Polpette di tonno e ceci

polpette ceci e tonno

Ingredienti:

  • 300 gr di ceci in scatola o lessati
  • 1 barattolo di tonno sott’olio scatole
  • 2 cipollotti
  • 20 gr di mollica di pane raffermo
  • 1 uovo
  • peperoncino q.b.
  • origano q.b.
  • sale q.b.
  • olio q.b.
  • pepe q.b.
  • prezzemolo o coriandolo q.b.

Preparazione:

Iniziate la preparazione delle polpette di tonno e ceci, lavando e sgocciolando bene i ceci. Poi passateli con un mixer ad immersione insieme a tutti gli altri ingredienti fino a quando l’impasto sarà morbido ma non liquido. Versate l’impasto ottenuto in una terrina, copritela con della pellicola e lasciate riposare il tutto in frigorifero per circa un’ora. Dopo un’oretta aggiungete un filo d’olio e mescolate bene, poi iniziate a formare le polpettine e ponetele su una teglia coperta di carta da forno. Aggiungete un giro d’olio e cuocete a forno caldo a 180°, avendo cura di girarle ogni tanto sui vari lati. Lasciate cuocere per una decina di minuti o fino a quando saranno belle dorate. Servitele calde, magari accompagnate da una salsa al pepe verde o a base di yogurt.

5. Bucatini con pesto di finocchietto e sarde

bucatini finocchietto e sarde

Ingredienti:

  • 160 gr di bucatini
  • 50 gr di finocchietto selvatico
  • 6 sarde fresche
  • 20 gr di mandorle spellate
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extrvergine di oliva q.b.
  • 1 spicchio d’aglio
  • spicchi: 1
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione:

Per prima cosa preparate il pesto di finocchieto immergendolo per qualche secondo in abbondante acqua bollente. Scolatelo – conservando l’acqua – e immergetelo subito in acqua fredda per farlo rimanere di colore verde acceso.
Tagliate i gambi più grandi del finocchietto e mettetelo in una ciotola, aggiungendo 3 o 4 cucchiai di olio. Pestate il finocchietto in un mortaio per creare la consistenza del pesto. Ora passate alla pulizia del pesce: eviscerate le sarde, apritele a libro e togliete la lisca centrale. Tagliate 4 sarde in piccoli pezzi e tenete 2 sarde da parte per la decorazione finale del piatto.
Intanto prendete un pentolino e fate tostare le mandorle tenendole d’occhio per evitare che si brucino. Poi tritatele grossolanamento con un coltello. Prendete una padella capiente e aggiungete un filo d’olio e lo spicchio d’aglio intero, unite le sarde tagliate in precedenza e lasciatele cuocere un paio di minuti a fuoco medio. Togliete l’aglio e mettete in padella il pesto di finocchietto con l’aggiunta di qualche cucchiaio di acqua di cottura del finocchietto per rendere il tutto più cremoso. Nel frattempo, fate scottare un minuto per lato le sarde aperte che avete tenuto intere in un pentolino con un goccio d’olio. Passate alla cottura dei bucatini in abbondante acqua salata, poi scolateli e ripassateli nella padella con il pesto e le sarde, aggiustando con acqua di cottura del finocchietto per non rendere la pasta troppo asciutta. Aggiustate di pepe e sale e impiattate i vostri bucatini al pesto di finocchietto e sarde spolverizzando con le mandorle tostate tritate e con le sarde intere.

6. Sandwich di polpo

sandwich al polpo

Ingredienti:

  • 1 kg di polpo
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo q.b.
  • succo di limone q.b.
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1 cipolla
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 4 panini morbidi
  • peperoncino q.b.

Preparazione:

Prendete una pentola capiente e versate dell’acqua, poi aggiungete una cipolla, una carota, un gambo di sedano e un ciuffetto di prezzemolo. Pulite e lavate il polpo e poi immergetelo nell’acqua in ebollizione per qualche secondo; tiratelo fuori dall’acqua e ripetete la stessa operazione per altre due volte. Ora lasciatelo cuocere per circa un’ora fino a quando, pungendolo con una forchetta, risulterà tenero e non duro. Lasciatelo raffreddare nella sua acqua di cottura, poi togliete la parte molle dei tentacoli e tagliate il polpo a pezzetti. In una padella scaldate l’olio con lo spicchio d’aglio e il prezzemolo tritato, fate rosolare a fuoco basso e aggiungete il succo di limone e un pizzico di peperoncino. Prendete i panini e apriteli lungo il lato lungo formando una tasca e spennellate l’interno con l’olio appena preparato con aglio e prezzemolo. Con l’olio rimasto nella padella condite il polpo e poi procedete con la farcitura dei panini. Potete accompagnare i sandwich di polpo con un insalatina di verdure miste e germogli.

7. Hamburger di salmone

hamburger di salmone

Ingredienti:

  • 400 gr di salmone
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di senape dolce
  • pangrattato q.b.
  • erba cipollina q.b.
  • sale q.b.
  • pepe bianco q.b.

Preparazione:

Iniziate a prepare gli hamburger di salmone tagliando al coltello il salmone in modo molto sottile come fosse una tartare. Mettete il battuto di salmone ottenuto in una ciotola e unite l’uovo, un cucchiaio di senape dolce, un po’ di erba cipollina tritata e il pangrattato, la quantità necessaria per rendere il composto malleabile. Aggiustate di sale e pepe bianco. Con l’aiuto di un coppa pasta tondo del diametro che preferite, formate gli hamburger e cuoceteli in una padella con un filo d’olio extravergine di oliva per circa una decina di minuti, a seconda dello spessore dell’hamburger. Girateli sui due lati e lasciate sul fuoco finché saranno ben dorati. Potete servire gli hamburger al naturale accompagnati da patate al forno o verdure saltate in padella, oppure all’interno del classico panino da hamburger con il sesamo in superficie, una salsa di yogurt e menta e una foglia d’insalata.

8. Sfoglie con capesante e crema di asparagi

sfoglie capesante

Ingredienti:

  • 12 capesante pulite
  • 12 sfoglie di pane carasau o guttiau
  • succo di 1/2 limone
  • succo di 1/2 pompelmo
  • 300 gr di asparagi
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale q.b.
  • 1 spicchio d’aglio

Preparazione:

Iniziate la preparazione delle sfoglie con capesante e crema di asparagi pulendo quest’ultimi. Cuoceteli fino a quando saranno teneri, poi passateli nel mixer con un cucchiaio di olio, aggiustate di sale e pepe e mettete da parte. In una padella fate rosolare in poco olio uno spicchio di aglio intero e aggiungete le capesante; cuocetele 1 minuto per ogni lato e salatele a cottura ultimata. Nel frattempo, spremete il pompelmo e il limone e insaporite le capesante con il succo dei due agrumi. Prendete il pane carasau o guttiau e ricavatene dei piccoli quadratini. Ricoprite la superficie delle sfoglie con un cucchiaino di crema di asparagi e finitele con una capasanta. Se volete, spolverate le sfoglie con il pepe arcobaleno.

9. Guazzetto di moscardini in bianco

zuppa moscardini

Ingredienti:

  • 800 gr di moscardini
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 foglie d’alloro
  • 1 rametto di prezzemolo
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 3 bicchieri di fumetto di pesce
  • 1 peperoncino rosso
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione:

Per prima cosa pulite i moscardini, sciaquateli e tagliateli a pezzi. Intanto fate rosolare due spicchi d’aglio con quattro cucchiai di olio in un tegame capiente. Quando l’aglio sarà dorato, toglietelo e unite i moscardini mescolando e facendoli insaporire nell’olio per qualche minuto. Spolverate con il vino bianco, il peperoncino, un pizzico di sale e due foglie di alloro e fate cuocere per due minuti a fiamma vivace. Bagnate i moscardini con due bicchieri di fumetto di pesce e cuocete per circa 20 minuti con il coperchio a fiamma dolce. Aggiungete di tanto in tanto un po’ di fumetto perché i moscardini devono mantenere un guazzetto abbondante. Poco prima che sia ultimata la cottura togliete l’alloro e il peperoncino intero e aggiungete il prezzemolo tritato. Servite la zuppa di moscardini molto calda con il guazzetto, magari accompagnandola con fette di pane tostato e passato con un po’ d’aglio e delle verdure cotte.

10. Involtini di pesce spada affumicato

Involtini spada

Ingredienti:

  • 8 fette di pesce spada affumicato
  • 1 patata lessa
  • surimi
  • maionese q.b.
  • prezzemolo fresco tritato q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione:

Cominciate la preparazione degli involtini di pesce spada affumicato lessando la patata intera ancora integra della buccia. Pelatela e schiacciatela con l’aiuto di una forchetta o di uno schiacciapatate. Mettete la patata in una ciotola, aggiungete il surimi tagliato a dadini, il prezzemolo tritato, un cucchiaio circa di maionese e un filo d’olio. Mescolate tutto in modo da amalgamare bene gli ingredienti. Ora prendete le fette di spada e procedete con la farcitura. Formate una piccola quenelle con il ripieno e posizionatelo nel centro della fetta, arrotolate e formate un involtino. Disponete gli involtini su un piatto con della rucola o decorate la parte superiore del pesce spada con una leggerissima spolverata di prezzemolo tritato per dare colore.

Leggi anche:

 

Potrebbe interessarti anche