Troppe liti di coppia? Applica il metodo 5-5-5! Come funziona

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La vita di coppia non è sempre un lungo fiume calmo perché può essere costellata di dissapori e conflitti. Tuttavia, c’è un modo per rendere i litigi un modo per rafforzare il legame con il partner.

Lo hanno spiegato Susan Clarke e CrisMarie Campbell, sposate da 16 anni e co-fondatrici di Thrive!, associazione specializzata nella risoluzione di conflitti relazionali e professionali, nel libro The Beauty of Conflict for Couples.

Intervistate dalla NBC, la coppia ha svelato i segreti di una tecnica per dirimere una lite e trarne fuori il meglio: il metodo 5-5-5.

“Il conflitto è una parte sana di una relazione”, hanno affermato Susan e CrisMarie. Perché l’assenza di liti è segno di una qualche forma di indifferenza o “che un partner ha completamente ceduto all’altro”. L’obiettivo del metodo 5-5-5 è permettere ai partner di esprimersi ponendo dei limiti al conflitto.

Il principio è semplice: in caso di litigio, l’idea è che un partner parli per 5 minuti, prima di lasciar parlare l’altro per altri 5 minuti. Durante questo periodo, entrambi si ascoltano a vicenda. L’ultimo passaggio, anch’esso della durata di 5 minuti, si concretizza in una discussione su ciò che è stato appena detto.

Susan Clarke e CrisMarie Campbell

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Il primo passo non è soltanto quello di esprimere il proprio punto di vista al partner: parlando per 5 minuti, “comincio ad approfondire il mio pensiero, chiedendomi perché il motivo della discussione è così importante per me”.

Lo scopo del metodo 5-5-5? “Diventare più consapevoli e essere pronti ad ascoltare il potenziale di nuove informazioni e idee”.

Affinché funzioni, però, le regole devono essere perfettamente rispettate: “È importante che rimanga un 5-5-5, non un 5-5-45”, ha precisato Susan Clarke a NBC News. Inoltre, è consigliabile restare aperti al punto di vista dell’altro, non interromperlo quando parla ma concentrandosi pure sui propri sentimenti.

Infine, un altro suggerimento di Susan Clarke e CrisMarie Campbell: “Utilizzate un timer. Quando i cinque minuti sono scaduti, anche se sono nel mezzo di una frase, vi fermate”. Un modo semplice ed efficace per fissare dei limiti.

LEGGI ANCHE: Come smettere di idealizzare il partner.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Ogni relazione, indipendentemente da quale tipologia abbia, è destinata ad avere degli alti e bassi, inclusi conflitti e litigi. Delle volte questi possono essere causati da questioni banali, come ad esempio la scelta del ristorante dove andare a mangiare, mentre altre volte possono essere dovuti a problemi più seri come la mancanza di comunicazione o […]