L’immunologa Antonella Viola e la famiglia tunisina che dorme in strada: “Ho comprato una casa per loro”

di Gaetano Ferraro


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Tramite un post su Facebook, la celebre immunologa Antonella Viola ha rivelato, insieme al marito, di aver aiutato una famiglia tunisina in difficoltà, ospitandola prima in casa propria e poi acquistando un appartamento da affittare loro a un prezzo equo. La vicenda era stata precedentemente riportata da alcuni quotidiani locali nell’ottobre scorso, ma senza rivelare l’identità dei benefattori. Ora l’immunologa è uscita allo scoperto, raccontando la storia che ha commosso tutti.

La famiglia tunisina in difficoltà

La famiglia, composta da Asma, Nadir e i loro due bambini, viveva in auto dopo essere uscita dal sistema di accoglienza a causa di un contratto di lavoro firmato da Nadir per una ditta dell’alto Padovano. Nonostante il lavoro però, la famiglia non era riuscita a trovare una sistemazione adeguata per mesi, arrivando persino a dover scaldare il latte in polvere per la figlia più piccola davanti a un bar.

La verità dietro l’aiuto dell’immunologa

Ora Antonella Viola ha deciso di rompere il silenzio e raccontare la verità dopo aver letto un articolo che attribuiva erroneamente il merito dell’aiuto alla famiglia a un sindacato, la Fillea Cgil, e alla Caritas. L’immunologa ha sottolineato che né lei né suo marito hanno mai visto l’intervento di queste organizzazioni e che hanno risolto la situazione da soli, dedicando molto tempo e risorse economiche per trovare una soluzione confortevole e rapida per la famiglia tunisina. La professoressa ha spiegato di aver voluto agire in silenzio, poiché ritiene che le cose importanti vadano fatte per il loro valore intrinseco e non per raccontarle. Ma, messa di fronte ad un’altra verità, ha ritenuto necessario raccontare tutto.

L’importanza del gesto e la felicità per la famiglia

Barbara Schiavo, della Fillea Cgil, ha confermato che l’immunologa Antonella Viola si è mossa autonomamente per aiutare la famiglia, ammettendo le oggettive difficoltà incontrate anche dal sindacato nel trovare una sistemazione per loro, a causa della riluttanza delle persone ad affittare a una famiglia in difficoltà. Anche Antonella Viola ha chiarito la situazione con Barbara Schiavo, ribadendo la fatica che lei e suo marito hanno fatto per trovare una soluzione per Asma, Nadir e i loro figli. L’immunologa ha infine concluso affermando che l’unica cosa davvero importante è che la famiglia stia bene e sia felice, e che lei e suo marito sono felici per loro.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Il 23 giugno si celebra la Giornata Internazionale delle Vedove, un’occasione per riflettere sulla condizione spesso difficile di queste donne e per ribadire l’importanza di tutelare i loro diritti. Istituita dalle Nazioni Unite nel 2010, questa giornata mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle discriminazioni e le violenze che molte vedove subiscono in diverse parti del […]