Cosa fare e cosa non fare quando arriva un cucciolo in casa

di Alice Marchese

Avere un cucciolo in casa può essere un’esperienza dolcissima e soprattutto può regalarci tante emozioni. Ma sono necessari i giusti accorgimenti, perché crescere un cucciolo è comunque una responsabilità per gestirlo al meglio e garantirgli così benessere.

Avere un cucciolo in casa: i documenti necessari

Com’è stato sottolineato prima, avere un cucciolo in casa equivale a responsabilità. Soprattutto, servono dei documenti essenziali.

  • Dichiarazione di identificazione e registrazione in anagrafe canina
  • Certificato di buona salute del cucciolo
  • Libretto sanitario con trattamenti antiparassitari interni e delle vaccinazioni eseguite in allevamento dal nostro veterinario
  • Test di Campbell
  • Test Snap Giardia IDEXX (metodo Elisa)
  • Denuncia di monta e nascita cucciolata (mod. A)
  • Denuncia di iscrizione cucciolata per ottenere i pedigree ENCI (mod. B)
  • Consigli sui trattamenti antiparassitari naturali esterni di stagione
  • Polizza assicurativa del cucciolo (per coloro che l’hanno stipulata)

Ma adesso che sappiamo come tutelare il cucciolo, cosa dobbiamo fare per gestirlo al meglio?

Leggi anche: “4 accessori particolari per cani, ecco quelli per far felice il tuo cucciolo

Non lasciare cibo a disposizione

Un errore che spesso commette chi sta in casa con un cucciolo è quello di lasciare che la ciotola sia sempre piena. Invece no. Dopo che il cucciolo ha mangiato la pappa è necessario togliere la ciotola subito e pulirla. In caso contrario purtroppo si rischia di arrecare danno come la riduzione dell’appetito. Lasciate solo la ciotola dell’acqua disponibile.

Non premiate il cucciolo senza un motivo

Premiare un cucciolo è importante, ma lo si deve fare con cognizione di causa e con un valido motivo. In caso contrario si rischia di viziare eccessivamente il cucciolo che non comprenderà più cosa è giusto e cosa no.

Non insegnate alcun comando al cucciolo in casa

Spesso si pensa che essendo piccolo, ha più capacità ricettiva. Nulla di più vero, ma non è la fase per insegnare il comando. Fondamentale è la conoscenza reciproca.

Non riempite di giochi il cucciolo

I giochi sono importanti, ma non tutti insieme. In questo modo si stancherà subito di tutti e si dovrà sempre acquistare qualcosa di diverso e innovativo.

Non tenere il cucciolo sul divano o sul letto

In questa fase iniziale lo sconsiglio cercate di stabilire delle buone e sane regole in casa con lui, cercate di rispettarle ad essere coerenti tutti i componenti del nucleo familiare. In futuro per chi vorrà concedere al proprio cane il divano o ancor più il letto potrà farlo. Ma purché sia una decisione presa da voi.

Il cucciolo deve imparare a stare da solo

All’inizio stare vicino al cucciolo e seguirlo nei primi giorni della sua nuova casa è sicuramente utile ma prima o poi vi accorgerete di avere bisogno di allontanarvi e che non lo potete tenere d’occhio semplicemente per andare in bagno. Per tale ragione è essenziale che il cucciolo capisca che potrebbe rimanere da solo e che non equivale ad essere abbandonato.

Leggi anche:Scoperto cucciolo di mammut di 30mila anni fa in perfette condizioni


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Con l’estate non siamo i soli a non sopportare le alte temperature. Anche per gli animali è lo stesso. Ma come rinfrescare i cani quando il caldo è insostenibile? Si sa che alcune razze le notano di più rispetto ad altre, ma è importante prestare attenzione al loro benessere durante i mesi estivi. Ecco tutti […]