25 febbraio 2014 |

Bonus maturità, le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Torna il bonus maturità, quel punteggio che avvantaggia alcuni studenti ma ne penalizza altri, e che verrà nuovamente sommato al totale dei punti ottenuti dagli studenti ai test di ammissione alle facoltà a numero chiuso, che ad oggi sono quasi tutte.

Introdotto dal Ministro Francesco Profumo durante il governo Monti e poi cancellato da Maria Chiara Carrozza proprio il giorno stesso in cui oltre centomila studenti stavano partecipando ai test di accesso per la facoltà di Medicina, il bonus maturità se non quest’anno, visto che il bando per i test di accesso alle facoltà a numero chiuso è già stato pubblicato, l’anno prossimo, governo permettendo, potrebbe essere reintrodotto.

Stefania Giannini, sfidando con pugno forte gli errori del passato, giustifica come segue questo nuovo cambio di rotta. “Non era il bonus maturità in sé, ma il fatto di aver cambiato le regole in corso, ad aver scatenato il putiferio. Che la carriera scolastica conti per me è importante, lo studente non deve andare all’università vergine, ignorando tutto quello che ha fatto prima: il voto di maturità non è altro che la sintesi che uno ha fatto nei precedenti anni di carriera scolastica, quindi deve esserci, bisogna valutarlo insieme a tutte le altre cose che gli vengono richieste nell’esame di selezione”.

Il nuovo Ministro, inoltre, non sembra approvare neppure la sperimentazione del ciclo breve che la Carrozza aveva già lanciato in cinque licei, ma non per questo si dichiara contrario; piuttosto, testuali parole, sarebbe opportuno intervenire sul ciclo scolastico intermedio, che al momento sembra essere il più precario oltre che problematico.

Insomma, per gli studenti che affronteranno i test d’ammissione all’università quest’anno non cambia proprio nulla, ma l’anno prossimo il bonus maturità rischia di essere reintrodotto.

Potrebbe interessarti anche