Endorfine, 5 modi per rilasciare l’ormone del buon umore

di Claudia Scorza


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Qual è il segreto per essere di buon umore? Non esiste una bacchetta o una pozione magica per migliorare il nostro umore e provare piacere, ma ci sono alcuni modi per provare sensazioni di euforia in modo naturale, sentire sensazioni di benessere e aumentare i momenti di buon umore e spensieratezza durante la giornata.

Le endorfine sono proprio quegli elementi preziosi che permettono di migliorare l’umore, una sorta di sostanza del piacere e del buon umore che abbiamo nel nostro corpo. Si tratta, infatti, di ormoni peptidi che possediamo naturalmente nel cervello che, quando vengono rilasciati, aumentano la soglia del corpo al dolore e influenzano il nostro sentire emotivo.

Come possiamo aumentare il livello di endorfine in modo naturale? Ecco 5 modi per rilasciare l’ormone del buon umore in modo semplice ed efficace, per ritrovare il sorriso in poco tempo!

1. Esercizio fisico

Fare sport o attività fisica di qualunque tipo è un ottimo modo per rilasciare endorfine. Secondo alcuni studi scientifici pubblicati su Environmental Science e Technology, se svolgete un movimento fisico all’aperto, l’effetto sarà amplificato e vi sentirete più energiche e in grado di conservare a lungo questa energia sprigionata dal corpo.

2. Ridere

“Un giorno senza un sorriso è un giorno perso”, diceva Charlie Chaplin, e un giorno con una bella risata, dice la scienza, permette di liberare endorfine e migliorare l’umore. Più ridiamo migliore sarà la nostra visione delle cose, maggiore sarà la nostra energia e più facilmente risolveremo i problemi. Una bella risata abbassa i livelli di pressione sanguigna, riduce gli ormoni dello stress, rafforza le difese immunitarie e scatena il rilascio di endorfine, producendo un senso di benessere generale. Sono anni, infatti, che si pratica la terapia dell’umore negli ospedali per aiutare nella guarigione adulti e bambini.

3. Cioccolato fondente

Tutte noi ci sentiamo meglio quando mangiamo un cioccolatino, ma non è solo un effetto psicologico, è anche una questione fisica. Il cioccolato fondente, infatti, oltre ad abbassare la pressione sanguigna, ridurre il colesterolo “cattivo” LDL e aumentare il colesterolo “buono” HDL, contiene sostanze chimiche che permettono il rilascio di endorfine da parte del cervello. Occhio però a non esagerare, perché il quantitativo esatto per avere un effetto benefico non dovrebbe superare i 5 grammi al giorno.

4. Cibi piccanti

Quando mangiamo dei cibi piccanti, capita che il corpo percepisca il sapore piccante come se fosse dolore. Quando la capsaicina, contenuta nel peperoncino viene in contatto con la lingua causando la sensazione di bruciore, il nostro corpo reagisce rilasciando le endorfine contro quello che lui crede sia doloroso.

5. Abbracciarsi

Gli abbracci sono una terapia molto efficace contro tanti mali e hanno anche il pregio di far rilasciare al nostro organismo endorfine, ossitocina e serotonina, migliorando così il nostro umore. Il potere di un abbraccio permette anche di rilassare e distendere i muscoli, rallentando così il processo di invecchiamento dei tessuti. Puoi fare pratica ogni giorno con la tua famiglia!

Leggi anche:

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]