6 Passi per un sonno più rapido e di migliore qualità

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Per svegliarsi ogni mattina pieni di energia, è necessario un sonno di qualità e sufficientemente lungo, attraversando tutte le sue fasi, dalla leggera alla profonda fino alla fase REM, durante la quale si sogna. Come garantire che ogni sonno sia davvero ciò di cui il tuo corpo ha bisogno? Ecco alcuni consigli. 

L’importanza dell’ambiente 

La camera da letto deve diventare la tua oasi di pace e riposo, un luogo in cui ti piaccia ritirarti ogni giorno. Pertanto, dovresti arredarla secondo i tuoi gusti. Sì, in una relazione a volte è necessario fare compromessi, ma non dovrebbero esserci colori, mobili o decorazioni che proprio non sopporti. In una camera del genere non riuscirai a rilassarti e la qualità del sonno ne risentirà. Perciò, quando arredi la stanza, che spesso viene un po’ trascurata, prenditi davvero cura di essa. Le basi dovrebbero essere colori e mobili ariosi e anche un buon materasso di qualità. Per quanto riguarda gli accessori, vale davvero la regola del “meno è meglio“. 

Crea la tua routine 

Se crei alcuni rituali da svolgere ogni sera, ti addormenterai meglio. Prova magari esercizi di respirazione, dedica mezz’ora alla lettura, prenditi cura della tua pelle, preparati una tisana, accendi una candela o metti in funzione un diffusore di aromi… E cerca di andare a letto sempre alla stessa ora. È chiaro che non sarà possibile farlo ogni sera, ma la regolarità al momento di addormentarsi gioca un ruolo molto importante. Ancora più importante è la regolarità nel svegliarsi al mattino. Quando il tuo corpo sa cosa aspettarsi da te, si adatterà molto meglio e chiederà da solo il riposo necessario. 

Preparati una tisana 

Scommettete sulla potenza della natura e concedetevi la tazza di tisana alle erbe menzionata, che favorirà il vostro sonno e un riposo tranquillo. Le migliori sono la melissa, la menta, la camomilla o la valeriana, o le loro miscele. Ciò da evitare sono le tisane con caffeina, e naturalmente anche caffè e alcol. Per quanto riguarda il cibo, tra l’ultimo spuntino e il sonno dovrebbero passare almeno due ore, preferibilmente tre. 

Scordati la luce blu 

Un vero killer del sonno di qualità è la luce blu. Tutti gli schermi dei telefoni intelligenti, dei computer o delle televisioni emettono continuamente questa luce, così come la maggior parte delle luci a LED. Durante il giorno questa luce non è dannosa, ma di sera può disturbare il ritmo circadiano e rallentare la produzione di melatonina – l’ormone che regola i cicli del sonno. Per minimizzare gli effetti della luce blu sul sonno, dovreste mettere via telefoni e computer e cambiare l’illuminazione della stanza almeno un’ora prima di andare a letto. Prima lo fate, meglio è. Se non potete fare a meno del telefono o del computer, potete anche optare per occhiali speciali rossi che bloccano la luce blu, o utilizzare applicazioni che correggono automaticamente la radiazione della luce blu. 

E buio fu! 

La produzione di melatonina è influenzata negativamente non solo dalla luce blu, ma anche da qualsiasi altra luce durante il sonno. Le strade delle città e dei paesi sono oggi letteralmente attraversate da reti di illuminazione pubblica, che spesso sono dirette direttamente verso le finestre delle case. In generale, vale l’equazione semplice. Più buio c’è nella camera da letto, più melatonina viene rilasciata e il vostro sonno sarà di migliore qualità. Quindi valutate l’investimento in un’oscuramento di qualità, come tende o persiane, o almeno procuratevi una maschera per gli occhi. 

“La casa adda piglia’ aria”! 

Dimenticate di arieggiare? Anche questo può influenzare negativamente il vostro sonno. Durante il sonno avete bisogno di un adeguato apporto di ossigeno, quindi è necessario aerare bene la stanza la sera, o utilizzare un purificatore d’aria. Anche l’umidità dell’aria è altrettanto importante. Troppo aria secca può farvi sentire la gola graffiare al mattino e non vi farà sentire così bene. Per quanto riguarda la temperatura notturna nella camera da letto, dovrebbe essere intorno ai 16-18 °C, e sicuramente non dovrebbe superare i 20 °C. In un ambiente più fresco vi addormenterete molto meglio, vedrete da soli.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]

Un rivoluzionario esame del sangue potrebbe permettere di diagnosticare la malattia di Parkinson fino a sette anni prima della comparsa dei sintomi. Questo test è stato sviluppato da un team internazionale di ricercatori dell’University College London e dell’University Medical Center Goettingen, e utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare otto biomarcatori specifici. La scoperta, pubblicata sulla rivista […]

Le cisti ovariche sono sacche piene di liquido che si formano all’interno o sulla superficie delle ovaie. La maggior parte delle donne svilupperà almeno una cisti ovarica nel corso della vita, spesso senza nemmeno rendersene conto. Sebbene molte cisti siano innocue e si risolvano da sole, alcune possono causare sintomi o complicazioni che richiedono un […]