Diabete infantile: cosa è importante che i genitori sappiano

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il diabete mellito è una grave malattia metabolica che impedisce al corpo di scomporre e utilizzare il cibo normalmente, in particolare gli zuccheri (carboidrati). Può colpire il cuore, i vasi sanguigni, i reni e il sistema neurologico e può causare una progressiva perdita della vista nel corso del tempo.

Esistono vari tipi di diabete ma i più comuni sono il diabete di tipo 1 e di tipo 2. Entrambe le forme possono manifestarsi a qualsiasi età ma è più probabile che a un bambino venga diagnosticato il diabete di tipo 1.

Diabete di tipo 1

Il diabete di tipo 1 è causato da un’inadeguata produzione da parte del pancreas dell’insulina (che è un ormone). Quando ciò accade, il corpo non può metabolizzare correttamente lo zucchero e ciò porta alla sua conservazione nel flusso sanguigno. Così, questi zuccheri (glucosio) non possono essere utilizzati dall’organismo e vengono espulsi nelle urine, che portano con sé l’acqua.

Mentre il diabete di tipo 1 può cominciare a qualsiasi età, i periodi di picco si verificano intorno ai 5-6 anni e di nuovo tra gli 11 e i 13 anni. Il primo segno è solitamente un aumento della frequenza della minzione, compresa una ricorrenza dell’enuresi notturna nei bambini che già sanno usare il bagno. Si manifestano anche altri sintomi, come avere molta sete e sentirsi molto stanchi, perdere peso e aumento dell’appetito.

È importante identificare precocemente questi sintomi perché i bambini a cui viene diagnosticato il diabete possono successivamente ammalarsi di glicemia alta e disidratazione, richiedendo fluidi per via endovenosa e insulina in un pronto soccorso pediatrico.

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Diabete di tipo 2

Con l’aumento dei tassi di obesità, a un numero crescente di bambini viene diagnosticato il diabete di tipo 2, anche a 10 anni. Oltre ai problemi di peso, altri fattori di rischio per il diabete di tipo 2 comprendono: un membro della famiglia con la malattia, essere nati da una madre con il diabete durante la gravidanza (diabete gestazionale); altri problemi medici che influenzano il modo in cui il corpo risponde all’insulina.

I sintomi sono simili a quelli del diabete di tipo 1 e possono manifestarsi gradualmente. Anche le aree scure della pelle, specialmente vicino al collo o alle ascelle, sono comuni.

LEGGI ANCHE: I sintomi della malattia coronarica.

Trattamento e controllo del diabete

Sebbene non esista una cura per il diabete, i bambini con la malattia possono avere un’infanzia e un’adolescenza quasi normali se è tenuta sotto controllo.

È essenziale, comunque, controllare correttamente il diabete per evitare complicazioni. La gestione si concentra sul monitoraggio di routine della glicemia, sulla terapia insulinica, somministrata con diverse iniezioni al giorno e con un’alimentazione sana e rigorosa.

Mantenere i livelli di zucchero nel sangue in un intervallo normale può ridurre la possibilità di sintomi di zucchero alto o basso e ridurre al minimo il rischio di problemi di salute a lungo termine legati alla gestione del diabete. Oltre a una dieta sana, anche 30 minuti di esercizio al giorno possono aiutare un bambino a tenere sotto controllo la malattia.

Cosa possono fare i genitori?

I bambini di età superiore ai 7 anni di solito hanno capacità motorie sufficienti per poter cominciare a fare le proprie iniezioni di insulina con la supervisione di un adulto. Possono anche controllare la glicemia più volte al giorno, utilizzando strisce reattive trattate chimicamente o un misuratore di zucchero nel sangue. Tuttavia, questi test autosomministrati devono essere supervisionati da un adulto che abbia familiarità con il trattamento del diabete per garantire che il bambino stia gestendo il proprio diabete secondo le linee guida fornite dal medico.

  • Se un bambino assume troppa insulina: il livello di zucchero nel sangue può scendere troppo (ipoglicemia), causando sintomi tra cui tremori, battito cardiaco accelerato, nausea, affaticamento, debolezza e persino perdita di coscienza.
  • Se un bambino ha poca insulina: i principali sintomi del diabete possono ripresentarsi (perdita di peso, aumento della minzione, sete e appetito).

Foto da DepositPhotos.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]

Tutti almeno una volta nella vita hanno sentito parlare di colesterolo, uno degli indicatori più importanti della nostra salute da tenere sempre sotto controllo. Capita spesso che per ridurlo siano utilizzati dei farmaci di origine naturale, ma il piùù delle volte sarebbe sufficiente intervenire con un’apposita dieta consumando alimenti in grado di ridurre gli accumuli […]

Negli ultimi anni è sempre più diffuso il digiuno intermittente, una pratica amata per la sua capacità di far perdere velocemente peso. Recenti studi hanno evidenziato, però, alcuni rischi legati alla pratica del digiuno intermittente, scuotendo le fondamenta delle convinzioni precedenti. Un gruppo di scienziati ha individuato un netto aumento del rischio di mortalità per […]