Diabete gestazionale, come affrontarlo

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il diabete gestazionale è una tipologia di diabete che si sviluppa tra la 24esima e la 34esima settimana di gravidanza e non ha nulla a che vedere con il diabete pregravidico. Per poterlo diagnosticare, è fondamentale eseguire il Test di Carpenter, noto anche con il nome di “minicurva da carico”, che consiste nel misurare la glicemia, a digiuno, un’ora dopo aver somministrato alla gestante del glucosio per via orale. Vediamo nel dettaglio i sintomi del diabete gestazionale e come arginarlo a tavola.

Diabete gestazionale: i sintomi e gli esami

Non sempre i sintomi del diabete gestazionale sono semplici da ricondurre a questa patologia; tra i sintomi più diffusi troviamo:

  • perdita di peso
  • aumento del senso di sete
  • aumento di quantità d’urina prodotta
  • nausea e vomito
  • disturbi della vista
  • infezioni come la cistite, la candidosi, eccetera

Come abbiamo detto, per poter diagnosticare il diabete gestazionale bisogna controllare la glicemia; i valori non devono superare i 126 mg/dl, mentre quelli dell’emoglobina glicata non devono essere superiori al 6,5%. tutte queste informazioni si ricavano da semplici esami del sangue prescritti dal medico, specialmente a quelle gestanti che possono risultare più a rischio per:

  • avere un parente affetto da diabete di tipo 2
  • aver già sofferto di diabete gestazionale durante gravidanze precedenti
  • essere gravemente obesa

Diabete gestazionale: alimentazione e attività fisica

Tenere sotto controllo questa patologia è importante, e per farlo è necessario mantenere il peso forma, fare un po’ di moto, compreso lo yoga; per le mamme che lo praticavano prima della gravidanza, è un grande aiuto per umore e fisico. L’alimentazione sana con pochi zuccheri, però, resta la prima arma per stare bene e combattere il diabete gestazionale.

Principalmente, la dieta per le donne affette da diabete gestazionale consente:

  • frutta e verdura fresche, tranne quella molto zuccherina come cachi, fichi (sia secchi che freschi), prugne secche, datteri e castagne
  • proteine vegetali, come i legumi
  • fibra vegetale, contenuta in riso, grano, soia e avena

Sono da preferire prodotti fatti in casa e cotture poco elaborate. Inoltre, è bene bere almeno un litro di acqua al giorno e fare una passeggiata di 30 minuti tutti i giorni.

Sono invece da evitare, in accordo con quanto stabilito dal medico:

  • bevande zuccherate, come la cola, l’aranciata, il thè industriale, acqua tonica e brillante, bitter, spuma, chinotto e limonata
  • alcolici, che in generale durante la gravidanza non andrebbero consumati
  • bandite i prodotti conservati e dolci, come la frutta sciroppata
  • zuccheri in genere elaborati, come i dolci di pasticceria, miele, cioccolata, caramelle, conserve e gelatine di frutta, gelati, succhi di frutta dolcificati.
  • evitare il più possibile grassi saturi e alimenti ad alto contenuto di colesterolo e ridurre il consumo di prodotti industriali che contengono additivi e conservanti

Non lasciatevi attrarre dalle diciture “senza zucchero” che spiccano dagli scaffali del supermercato! Quei prodotti, infatti, contengono carboidrati che farebbero alzare i livelli di zuccheri nel sangue. E’ importante inoltre fare tre pasti principali al giorno e due spuntini (uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio) in modo da evitare che l’insulina oscilli nei valori.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Tra le più comuni convinzioni alimentari c’è il divieto di mangiare le uova per chi è a rischio di patologie cardiovascolari. Si tratta di uno dei miti più radicati, ora un nuovo studio ha finalmente sfatato questa convinzione, dimostrando che l’inclusione delle uova nella dieta quotidiana non ha effetti negativi sui livelli di colesterolo, neanche […]

Quando si parla di colazione uno degli errori che commettiamo più spesso è quello di prediligere una colazione dolce ricca di biscotti, dolci e prodotti da forno. Vuoi per ragioni di marketing dell’industria alimentare, vuoi per una tradizione consolidata gli italiani amano fare colazione con cibi ricchi di zuccheri e grassi come cornetti, pasticcini e […]

L’acrilammide è un composto chimico che si forma naturalmente durante il processo di cottura ad alte temperature di alcuni alimenti amidacei, come patate, cereali e caffè. Questo composto è stato oggetto di crescente preoccupazione nella comunità scientifica a causa dei potenziali rischi per la salute associati al suo consumo. La formazione di acrilammide avviene principalmente […]

Nella ricerca del benessere e della salute del proprio corpo, uno dei concetti più dibattuti è quello di seguire un’alimentazione sana ed equilibrata. Tra le varie componenti nutritive della nostra dieta, i carboidrati non possono certo mancare. Non tutti i carboidrati sono però uguali e il loro impatto sulla nostra salute può variare notevolmente in […]