Malattia coronarica: sintomi e quando andare dal medico

di Redazione

La malattia coronarica è causata da un restringimento delle arterie coronarie, responsabili dell’apporto di sangue al cuore.

Questo restringimento, che può portare a un blocco, è solitamente causato da depositi di grasso, cellule infiammatorie e calcare sulle pareti delle arterie. Questi depositi sono chiamati placche aterosclerotiche. Tra le malattie cardiovascolari, la coronaropatia è una delle cause più frequenti di morte e ospedalizzazione.

I sintomi della malattia coronarica

I primi segni di malattia coronarica possono passare inosservati. All’inizio dello scompenso cardiaco, infatti, il paziente non ha sintomi. Nel corso degli anni, invece, compaiono diversi segni, prima durante lo sforzo fisico, poi gradualmente durante ogni attività, anche a riposo.

  • Mancanza di respiro frequente: uno dei primi segni che compaiono in caso di malattia coronarica è la mancanza di respiro. Il paziente ha l’impressione di essere senza fiato molto rapidamente, prima durante lo sforzo fisico, poi durante le attività quotidiane e, infine, anche a riposo.
  • Fastidio al torace: i pazienti con malattia coronarica in genere avvertono fastidio al torace o addirittura dolore. Queste sensazioni variano da paziente a paziente, possono variare da una pressione o una sensazione di oppressione a un dolore lancinante e persistente.
  • Dolore che si irradia: il dolore localizzato al petto a volte si diffonde ad altre zone del corpo. Un paziente può, quindi, avvertire dolore al braccio sinistro, al collo o alla mascella. In alcuni casi, il dolore si basa solo in una di queste aree e il paziente non avverte nulla al petto.
  • Il cuore pulsante: le palpitazioni possono essere un segno di malattia coronarica. In questo caso, la persona interessata ha la sensazione che il suo battito cardiaco stia accelerando o che il suo cuore stia battendo in modo irregolare.
  • Grave affaticamento: il paziente può anche soffrire di grave affaticamento in modo insolito. Questo rende molto difficile svolgere le attività quotidiane.

LEGGI ANCHE: Perché il farro fa bene alla salute?

Quando consultare un medico?

La coronaropatia è una malattia “silenziosa” perché i sintomi impiegano anni a manifestarsi. Tuttavia, può causare seri problemi di salute.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 7,4 milioni di decessi in tutto il mondo sono dovuti a malattie coronariche. È, quindi, essenziale consultare rapidamente un medico quando compaiono i primi segni della malattia.

Se il paziente avverte una grave stanchezza, una rapida mancanza di respiro o dolore al petto, deve consultare un dottore il prima possibile che, quindi, può prescrivere vari test per diagnosticare la malattia coronarica.

Un elettrocardiogramma (ECG) viene utilizzato, ad esempio, per misurare l’attività cardiaca. Se i sintomi si verificano durante l’attività fisica, può essere necessario eseguire uno stress test, in quanto misura il cuore mentre il paziente corre o va in bicicletta. Possono essere raccomandati anche l’ecocardiografia, la scintigrafia o la risonanza magnetica (MRI).

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Il trattamento

All’inizio, i medici raccomandano spesso un cambiamento nello stile di vita per agire sui sintomi della malattia coronarica ed evitare la comparsa di complicazioni, come un infarto del miocardio.

In genere si consiglia di:

  • impegnarsi in una regolare attività fisica;
  • smettere di fumare;
  • evitare di consumare prodotti troppo grassi, troppo dolci o troppo salati;
  • evitare situazioni stressanti;
  • lottare contro il sovrappeso.

Il trattamento farmacologico può anche essere messo in atto, a seconda delle condizioni del paziente. Nei casi più gravi è necessario un intervento chirurgico per allargare i segmenti delle arterie coronarie interessate.

Come prevenire la malattia

È possibile prevenire le malattie coronariche, e più in generale tutte le malattie cardiovascolari, attuando alcune abitudini di vita:

  • impegnarsi in una regolare attività fisica;
  • non fumare;
  • limitare i fattori di stress;
  • seguire una dieta sana ed equilibrata.

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Quando si parla di osteoporosi si fa riferimento ad una malattia cronica caratterizzata da alterazioni della struttura ossea con conseguente riduzione della resistenza. Dunque questo porta il corpo ad essere più incline a subire fratture. Ma quali sono le sue cause e come si può combattere contro questa? Scopriamolo insieme! Osteoporosi: cause Spesso l’osteoporosi è […]