Ama koji: tutto quello che c’è da sapere sul dolcificante giapponese

di Claudia Scorza


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Avete mai sentito parlare di ama koji? Si tratta di un dolcificante giapponese dal sapore dolciastro che può essere usato al posto dello zucchero per rendere più dolci cibi e bevande. Quello che si ottiene con il fermento koji, infatti, è l’amasake, uno zucchero derivato dalla fermentazione del riso bianco.

Trattandosi di un fermento, l’ama koji è ricco di probiotici e quindi possiede buoni benefici a livello di salute dell’intestino, dello stomaco e di tutto l’apparato digerente; è inoltre un ingrediente ricco di fibre, enzimi e vitamine del gruppo B. L’ama koji è un dolcificante molto equilibrato e a lentissimo “rilascio”, quindi passa nel sangue in modo lento senza creare picchi di glicemia.

Si mostra all’aspetto come una poltiglia lattiginosa che a colpo d’occhio può sembrare poco invitante, ma che al gusto si rivela molto buona. In Giappone viene consumata calda durante il periodo invernale e fredda d’estate, soprattutto in aggiunta a succhi di frutta e a bevande.

Questo dolcificante può essere aggiunto a caffè, tisane e smoothie a base di frutta e verdura di stagione, ma può essere impiegato anche come dolcificante di alimenti per l’infanzia, per preparare budini o come base di creme per farcire torte. Spesso viene impiegato anche come ingrediente dolce di alcune ricette da cuocere in forno, risultando quindi perfetto per tutti e per ogni tipo di preparazione.

Per chi già conosce e consuma il kimchi, il kombucha e lo sauerkraut, questa novità giapponese è assolutamente da provare, in particolare per chi è appassionato di cucina orientale e ama tutti quegli alimenti che rientrano nella vasta categoria degli healty food.

Leggi anche:

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]