Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Kimchi, le proprietà di questo piatto coreano e la sua ricetta

Cucina - 22 novembre 2016 Vedi anche: Ricette autunnali, Ricette di stagione, Ricette sfiziose

Scopriamo il kimchi, le proprietà di questo piatto coreano e la sua ricetta per assaporare una preparazione della cucina orientale gustosa che difficilmente avrete già provato.

Cos’è il kimchi

Il kimchi è un piatto tipico della cucina coreana, di facile preparazione e molto gustoso al palato. Nella tradizione coreana viene preparato durante il kimjang, un raduno di parenti, amici e vicini di casa dove il kimchi viene preparato in compagnia di tutti gli ospiti in grandi quantità, così da essere poi mantenuto e consumato durante l’inverno.
Per prepararlo si utilizzano i cavoli freschi, fatti fermentare in una particolare salamoia. Questo avviene di solito tra la fine ottobre e il mese di novembre, in pieno autunno.

Il kimchi viene preparato con foglie di cavolo fresco lasciate fermentare in una salamoia composta da un mix di ortaggi come cipollotti, ravanelli, peperoncino rosso, aglio, zenzero fresco, rafano, salsa di pesce e di soia. Una volta terminata la salamoia, il tutto viene conservato per mesi in barattoli di vetro ben sterilizzati. Le versioni di questo piatto variano da zona a zona e sembra che in Corea circolino ben 200 ricette per prepare il kimchi.

Proprietà del kimchi

Il kimchi ha moltissime proprietà per il nostro organismo, poiché è molto ricco di sali minerali e vitamine. Infatti, il cavolo-verza contiene molti sali minerali, come potassio, fosforo, ferro, calcio, zolfo e numerose vitamine, quali A, C e K.
Inoltre, il grande pregio del kimchi è quello di contenere lactobacilli dovuti alla fermentazione che si esegue per prepararlo: questi lactobacilli sono batteri utilissimi per l’apparato gastro intestinale.Inoltre si tratta di un piatto a basso contenuto calorico e ricco di fibre.

Il peperoncino in esso contenuto è un antiossidante e contiene vitamine del gruppo B, A e C, mentre l’aglio presente nella ricetta è in grado di mantenere bassa la quantità di colesterolo cattivo nel sangue.

Ricetta del kimchi

La ricetta è semplice, ma i tempi di preparazione sono piuttosto lunghi per un totale di 15 ore. Oltre ad essere conservato per molto tempo, il kimchi coreano può essere assaporato in diversi modi, da solo o come accompagnamento per insaporire panini, tartine e involtini, sia di carne che di pesce e verdure.

In alternativa può anche essere abbinato a riso, cereali, pasta, stufati, uova, verdure al vapore, formaggi, patate, pesce e carne, tutti ingredienti che si sposano benissimo con la cucina orientale.

Ingredienti:

• 2 cavoli cinesi o cavolo-verza
• 3 cucchiai di pasta di acciughe o di salsa di pesce
• 2 cucchiai di pasta di peperoncino
• 2 cucchiai di salsa di soia
• 100 gr di peperoncino in polvere
• 50 gr di sale
• 3 cipollotti freschi
• 1 rafano daikon
• 2 carote
• 30 gr di aglio
• 30 gr di zenzero

Preparazione:

Iniziate a preparare il kimchi mondando e lavando i cavoli. Asciugateli bene e tagliateli in quattro parti per il senso della lunghezza e poi ancora a pezzi di circa 4 o 5 cm. Sistemateli in una terrina piuttosto capiente, aggiungete il sale e mescolate. Infine versate dell’acqua fredda fino a coprire la verdura in modo tale che siano ben immersi. Mettete sopra un piatto con un peso e fate riposare per tutta la notte.

La mattina dopo scolate il cavolo e trasferitelo in una terrina grande tenendo da parte la salamoia in cui ha riposato a cui aggiungerete i cipollotti, le carote, l’aglio, il rafano e lo zenzero. Nel frattempo mettete in una ciotola piccola il peperoncino in polvere, la pasta di acciughe, la salsa di soia e la pasta di peperoncino, poi mescolate e unite il composto ottenuto alle foglie di cavolo.

Trasferite il cavolo in barattoli di vetro sterilizzati e aggiungete la salamoia tenuta da parte per coprire tutte le verdure e lasciate fermentare dai 3 ai 6 giorni, fino a quando non compariranno delle bolle che vi avvisano che la fermentazione è avvenuta in modo corretto. Ora potete conservare il kimchi in barattoli di vetro in frigorifero e gustarlo ogni volta che volete per le vostre cene etniche.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA