15 agosto 2018 |

Gli alimenti ricchi di probiotici che non dovrebbero mai mancare sulla nostra tavola

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Quali di questi alimenti ricchi di probiotici conoscete a parte lo yogurt? Ecco quelli che non dovrebbero mai mancare sulla nostra tavola!

Sempre più frequentemente si parla di alimenti ricchi di probiotici, in quanto sostanze benefiche per intestino e sistema immunitario.


I probiotici sono batteri positivi che si vivono nell’intestino apportando benefici sia alla digestione sia alla difesa dell’organismo contro gli attacchi esterni. Ma in quali alimenti si trovano i famosi probiotici, oltre che nell’ormai rinomato yogurt?

Scopriamo gli alimenti ricchi di probiotici che non dovrebbero mai mancare sulla nostra tavola!

Le verdure fermentate come crauti e Kimchi

Sono alimenti ricchi di probiotici tutte le verdure fermentate e lasciate a macerare generalmente con sale e aceto sviluppano probiotici. In particolare, le verdure che più si arricchiscono di queste sostanze durante la macerazione sono quelle appartenenti alla famiglia delle cavolacee, tra le quali spiccano i crauti e il Kimchi coreano. I crauti, soprattutto i Sauerkraut (crauti amari), si preparano con la macerata di cavolo cappuccio messo sotto sale e pressato per diversi mesi. Il Kimchi, invece, è preparato con varie verdure tra cui la verza, messe a fermentare con peperoncino, zenzero e altre spezie.

Alimenti ricchi di probiotici: il Kefir

Il Kefir è un alimento molto antico, ancora forse poco consumato in Italia, nato nel Caucaso e molto amato soprattutto in Russia. Il Kefir ha una consistenza granulosa, un sapore dolce e fresco ed è naturalmente ricchissimo di probiotici derivanti dalla fermentazione del latte. Per introdurlo nella propria dieta basta mangiarlo anche solo  1-2 volte a settimana a colazione insieme a della frutta e cereali, alternandolo allo yogurt, il più noto tra gli alimenti ricchi di probiotici.

Il Natto giapponese

Il Natto è un’alimento giapponese quasi sconosciuto in Italia prodotto con la fermentazione di fagioli di soia piccoli con un bacillo, il bacillus subtilis, al termine della quale si crea una densa e appiccicosa gelatina. Chi lo ha mangiato definisce il Natto un piatto dall’odore e il sapore forte (infatti non tutti i giapponesi lo mangiano). Acquistarlo non è facilissimo e bisogna cercarlo nei negozi giapponesi specializzati. Per prepararlo in casa si devono far bollire i fagioli di soia più piccoli e bio, poi mescolarli con lo starter, ossia le spore che attivano la fermentazione.

Il Miso

Il Miso è un’altro alimento giapponese molto ricco di probiotici. Si tratta di un misto di soia, orzo e riso, cotto e poi fermentato tramite l’aggiunta della spora aspergillus oryzae. Il risultato finale è una pasta molle che va consumata sciolta in acqua bollente. Tradizionalmente si consuma nella zuppa di Miso, in cui si aggiunge erba cipollina, tofu, alghe o vongole. Soprattutto quello fermentato naturalmente (e non industrialmente dove vengono aggiunti diversi additivi quali sale e conservanti) è un vero toccasana per l’intestino!

Il Kombucha tra gli alimenti probiotici

E’ una bevanda ottenuta dalla fermentazione di tè verde o tè nero zuccherato che contiene un mix di batteri e lieviti. Questa bevanda ha un sapore dolciastro e contiene acidi organici ed etanolo che supportano la digestione e la salute dell’intestino proprio perchè uno degli alimenti ricchi di probiotici.

I sottaceti sono ricchi di probiotici

Forse non tutti sanno che anche i sottaceti, come ad esempio i cetrioli, contengono probiotici e sono ottimi per l’intestino! In questo caso è importante non esagerare con questo alimento perchè allo stesso tempo contengono anche tanto sale.

Il Tempeh

tempeh

Anche questo è ottenuto dai semi della soia che, una volta ammorbiditi, si riducono in poltiglia e si cuociono; viene poi aggiunto un composto acidificante e un fungo fermentante. Il preparato viene poi disteso e messo a fermentare per circa 24 ore, i semi si saldano fra di loro in una pasta bianca morbida. Nel Tempeh si formano oligosaccaridi, utilissimi per ridurre disturbi intestinali quali aerofagia e meteorismo. Inoltre il Tempeh, essendo molto proteico, è stato definito anche “carne di soia” e si usa per preparare ragù, burger e polpette vegane che diventano così alimenti ricchi di probiotici!

Potrebbe interessarti anche