01 novembre 2017 |

I consigli per scegliere un latte di qualità e sostenibile

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
latte

Scopriamo i consigli per scegliere un latte di qualità e sostenibile per consumare un ottimo prodotto conoscendone le caratteristiche, l’origine e la tipologia.

Il latte è un alimento molto utilizzato in cucina, sia come bevanda per la colazione sia come ingredienti per preparare sfiziose ricette in cucina. Ma quanto sappiamo del latte che consumiamo? Ecco tutti i consigli per scegliere un latte di qualità e sostenibile, per gustare al meglio un ottimo prodotto.


Innanzitutto è importante conoscere le differenze tra latte intero, scremato e parzialmente scremato per quanto riguarda la quantità di grassi contenute. Se nel latte intero la percentuale di grassi non può essere inferiore al 3,8%, negli altri due tipi il livello si riduce di molto, rispettivamente tra l’1,5 e l’1,8% nel latte parzialmente scremato e non superiore a 0,5% per quello scremato.

Inoltre è sempre molto importante scegliere latte fresco, vaccino o meno, poiché è più ricco di vitamine in quanto sottoposto a un trattamento termico contenuto. Per capire se è un latte di qualità e sostenibile sarebbe fondamentale approfondire la filiera produttiva, dal momento che in base all’alimentazione degli animali e alla cura nei controlli, le proprietà e la sostenibilità del prodotto possono subire variazioni non trascurabili.

È anche opportuno sapere di cosa si parla con la dicitura latte “Alta Qualità”: si fa riferimento a un processo di pastorizzazione più delicato rispetto a quello del comune latte fresco pastorizzato. Questo tipo di processo, infatti, è meno “invasivo” sulle proprietà e sulle qualità finali del prodotto, oltre ad essere sottoposto a stretti controlli che escludono possibili rischi per i consumatori.

Anche la dicitura latte microfiltrato è un aspetto da conoscere, poiché indica un procedimento di filtrazione che elimina la maggior parte dei microbi e mantiene quasi del tutto inalterato il gusto del latte fresco, nonostante la conservazione sia di solito compresa tra i 10 e i 15 giorni.

Infine, per scegliere il latte è fondamentale conoscere l’origine precisa del prodotto, verificando che essa sia chiaramente indicata sull’etichetta. Sapere quali sono gli allevamenti e come gli animali vengono trattati e curati influisce sicuramente sulla qualità e sull’eticità del latte!

Leggi anche:

Claudia S.

Potrebbe interessarti anche