05 Maggio 2021 |

Dovevano essere sette figli, ma ne nascono nove: la storia di Halima Cisse

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
  • Halima Cisse aspettava sette bimbi, invece il parto le ha riservato due sorprese
  • La notizia di un parto plurigemellare più unico che raro, è stata diffusa dalla ministra maliana della Sanità, Fanta Siby
  • Del costo dell’evacuazione sanitaria della giovane donna si sono fatte carico le autorità del Mali

Dovevano essere sette bimbi, invece il parto le ha riservato ben due sorprese. È la storia di Halima Cisse.

Halima ha dato alla luce nove bimbi

Originaria di Timbuctu, ad Halima Cisse durante la gravidanza, le era stato detto che aspettava 7 bambini, come si poteva vedere dalle ecografie.
Ma al termine di una gestazione complessa, la 25enne maliana ha dato alla luce 9 neonati, 5 femmine e 4 maschi, tutti in buona salute.

Chi ha annunciato il lieto evento

La meravigliosa e dolcissima notizia di un parto plurigemellare più unico che raro, è stata diffusa dalla ministra maliana della Sanità, Fanta Siby. Come riporta l’HuffPost, lei ha ringraziato di cuore “i team medici del Mali e del Marocco, la cui professionalità sono all’origine del lieto esito della gravidanza”. 

Inizialmente è stata prima presa in cura in un ospedale di Bamako. Successivamente è stata trasferita in Marocco, lo scorso 30 marzo, dal momento che i medici avevano compreso l’unicità di questa gestazione definendola “fuori dal comune”. “Finora la mamma e i suoi bambini stanno tutti bene. Torneranno a casa tra qualche settimana” ha dichiarato la ministra Siby, citando il medico maliano che ha accompagnato la giovane in Marocco.

Del costo dell’evacuazione sanitaria della giovane donna se ne sono occupate le autorità del Mali, dietro espressa richiesta del presidente di transizione, Bah N’Daw. La gravidanza di Cissè ha suscitato la massima attenzione delle istituzioni del Paese africano, e questo ha generato uno slancio di solidarietà, anche economica, per coprire i costi del trasferimento e dell’assistenza medica in Marocco.
Il parto cesareo e la nascita dei 9 gemelli non sono stati ancora confermati da fonti ufficiali marocchine.