17 Febbraio 2015 |

10 modi divertenti per insegnare l’inglese ai bambini

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

10 modi divertenti per insegnare l’inglese ai bambini: imparare la lingua globale fin da piccoli è importante, ma farlo sembrare un compito a casa annoia i bambini. Ecco come rendere un gioco divertente l’apprendimento dell’inglese.

L’inglese è la lingua globale, questo è un dato di fatto. La capacità di apprendimento cala con gli anni, quindi per imparare al meglio una lingua straniera è bene iniziare a studiarla da piccoli, attraverso i giochi, i cartoni, i libri illustrati e le canzoni. I più piccoli, infatti, non devono avvertire l’apprendimento come un momento di studio, ma di gioco e divertimento. Scopriamo insieme come insegnare l’inglese ai bambini lasciandoli divertire!

1) Guardare i cartoni animati in lingua originale

Su Youtube è possibile reperire i cartoni che i bambini amano di più, come Peppa Pig, tutti in inglese. È bene iniziare gradualmente, con spezzoni di 5 o 10 minuti, per evitare che i piccoli abbiano cali di attenzione qualora non riuscissero a cogliere il senso delle scene. Per ovviare a questo problema, se il livello di inglese non è ancora sufficiente, potete guardare quello stesso cartone prima in italiano e poi in inglese, insistendo sulle parti in cui si nominano oggetti di uso comune e situazioni quotidiane.

2) Andare a teatro

I centri maggiori organizzano spettacoli in lingua inglese adatti ai bambini, proprio per rendere più familiare la lingua ai più piccoli, attraverso un contatto visivo con le persone che lo parlano. Controllate i siti internet del vostro comune oppure chiedete alle insegnate dei vostri figli: qualcosa in programma c’è sempre!

3) Tradurre le parole di uso comune

L’inglese è onnipresente nel nostro vocabolario quotidiano, basti pensare ai termini come “mouse”, “videogames”, “smartphone”, eccetera. Chiedete ai bambini se conoscono il reale significato della parola e, se dovesse ignorarlo, spingetelo a riflettere fino ad arrivarci da sé.

4) Guardare dvd di film originali

Il dvd è un ottimo modo per poter tornare indietro quando il bambino non ha afferrato il senso di una frase; anche in questo caso, cercate film divertenti che catturino l’interesse e l’attenzione dei più piccoli, altrimenti un simpatico pomeriggio davanti alla tv diventerà un supplizio. Al film potete aggiungere i sottotitoli, sia in italiano che in inglese, quindi è meglio lasciare questa attività ai ragazzi un po’ più grandi, in grado di leggere velocemente le frasi che appariranno sullo schermo.

5) Leggere libri in lingua

Le sue fiabe preferite le conosce a memoria, quindi perché non riproporle in inglese? Troverà delle piccole differenze, imparerà termini nuovi e si appassionerà anche ad altre storie. È buona norma, comunque, scegliere libri che usino anche i disegni, per dare un contatto visivo ai bambini. Inoltre, se volete usare dei libri che curino il lessico dei bambini, optate per quelli che hanno la pronuncia IPA accanto ad ogni lemma: la pronuncia corretta è fondamentale.

6) Largo alle App

Gli smartphone e le app che potete installare hanno semplificato la vita delle mamme, anche quando si tratta di far studiare i figli. Esistono molte app che consentono di imparare l’inglese giocando, attraverso puzzle, giochi di parole e a tema. Qualche nome?  Fun English (dai 3 anni in su), Impara l’inglese Giocando (4-6 anni) e Disco G. (6-10 anni)

7) Frequentare un madrelingua

Questo sarebbe l’ideale, soprattutto se i madrelingua gestiscono laboratori di arte, musica, scienza e sono capaci di relazionarsi con i bambini di ogni età e grado linguistico. Anche in questo caso, scuola e istituzione pubbliche dovrebbero poter fornire informazioni, ma anche il passaparola tra mamme è molto importante.

8) Ospitare una ragazza alla pari

Quando possibile, ospitare una ragazza alla pari madrelingua inglese è la soluzione migliore. Lei migliorerà il suo italiano e vi aiuterà a gestire casa e bambini, mentre i più piccoli potranno apprendere la lingua direttamente “alla fonte”.

9) Cantare insieme

Le filastrocche che usate in italiano per insegnare ai bambini il nome delle stagioni, dei mesi dell’anno o i numeri, esistono ovviamente anche in inglese. Cercatele su Youtube e cantatele insieme, magari cercando anche il testo online, per seguirlo finché non lo avrà imparato a memoria.

10) Giocare!

Il gioco, soprattutto per i più piccoli, resta il metodo d’apprendimento più veloce e pratico. Provate ad organizzare una piccola caccia al tesoro in casa, nascondendo un oggetto e indirizzando il bambino attraverso le indicazioni in inglese, finché non riesce a trovarlo. Un altro gioco potrebbe essere quello di descrivere le caratteristiche di un oggetto (sempre in  inglese, ovviamente) e lasciare che i bambini indovinino cos’è.