Bronzing o Contouring? Quali sono le differenze e come si realizzano

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Bronzing o contouring, questo è il problema! Prendendo in prestito una celebre citazione, rivisitata a modo nostro, vogliamo introdurre un argomento sempre attuale. Le differenze tra queste due tecniche esistono, ma non sempre sappiamo quali sono. Avventuriamoci quindi alla scoperta di questi due modi per avere una pelle più luminosa e definita.

In cosa consistono bronzing e contouring?

Sia il bronzer che i prodotti per fare contouring vengono da sempre utilizzati per ottenere un colore caldo, zigomi definiti, un aspetto della pelle più scolpite. Sebbene vengano spesso usati in modo intercambiabile, in realtà restituiscono risultati molto diversi. Va bene che il makeup non è sempre una scienza esatta, ma è meglio conoscere bene le modalità di utilizzo di qualcosa.

Procediamo, dunque, un passo alla volta e vediamo in dettaglio le caratteristiche di ogni prodotto, come si usa correttamente e, cosa ancora più importante, quali sono le differenze.

Bronzing

Lo dice la parola stessa: il bronzer dona alla pelle un aspetto caldo e abbronzato. L’effetto finale è aggiungere calore o colore alla pelle, donandole il tipico effetto “baciata dal sole”. Si trova in molte formulazioni: polvere, gocce o crema. La scelta sta a voi, perché non c’è una tipologia giusta, così come non ce n’è una sbagliata.

Contouring

La tecnica del contouring ha lo scopo di definire morfologia e struttura ossea del viso. I prodotti sono più “freddi” perché di fatto devono creare un’ombra. Serve a dare dimensione al viso, regolare la simmetria e l’equilibrio secondo le necessità. Anche in questo caso, ci sono prodotti in tante formulazioni, ma i più diffusi sono stick e creme.

Differenze e tecniche

Abbiamo già scoperto che la principale differenza sta nei toni: caldi per il bronzing, freddi per il contouring. Ancora, il bronzer spesso ha una componente brillante o luccicante, mentre per contornare si prediligono toni neutri, come un’ombra naturale della pelle. Usare un bronzer per il contouring può avere l’effetto indesiderato di fare perdere profondità al viso.

Il modo migliore per usare il bronzer è dare un tocco leggero: pensate a dove si concentra il sole. Fronte e sopra gli zigomi, mai sotto! Serve un’applicazione morbida e diffusa, senza stacchi netti. All’opposto, il contouring deve creare forme, definizione e simmetrie. Quindi si applica nei punti cavi del viso, cioè sotto gli zigomi, i punti bassi della tempia o sotto la mascella.

Foto: Depositphotos.com.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’estate è sinonimo di vacanze, mare, e lunghe giornate all’aria aperta. Tuttavia, con l’aumento del tempo trascorso sotto il sole, è importante proteggere la pelle dai dannosi raggi UV. L’uso della crema solare non è solo una questione di estetica per evitare scottature, ma anche di salute, per prevenire danni a lungo termine come l’invecchiamento […]

Quando si parla di tendenze nel make-up e nella cura della pelle, è bene tenere in considerazione i consigli di Hailey Bieber, icona indiscussa dello skin care. La modella americana, moglie del famoso cantante Justin Bieber, ha intrapreso con successo il percorso da imprenditrice, lanciando il suo marchio personale. Rhode è diventato rapidamente uno dei […]