NATRUE: come proteggere la pelle e gli ecosistemi marini con cosmetici naturali, bio e certificati, a prova di estate

di Redazione Fast News


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’Associazione internazionale che tutela la vera cosmesi naturale e biologica sottolinea l’importanza di utilizzare prodotti cosmetici certificati che portano benefici sia per la cura e la bellezza delle persone che per il Pianeta. NATRUE fornisce utili consigli su quale tipo di protezione solare scegliere e quali cosmetici utilizzare quest’estate per avere una pelle tonica, curata, uniformemente abbronzata, nel rispetto dell’ambiente.

Con l’arrivo dei mesi più caldi, diventa importante modificare la propria beauty routine per mantenere la pelle idratata e protetta dai raggi solari sempre più intensi e affrontare le giornate estive con freschezza e luminosità.

Uno dei prodotti più richiesti in questo periodo è la crema solare, poiché esponendosi al sole è importante utilizzare una protezione di alta qualità. Il mercato italiano della protezione solare, che si prevede crescerà annualmente dello 0,95% tra il 2024 e il 2029, riflette questa tendenza . Tuttavia, sebbene i filtri solari siano essenziali per assicurare un’adeguata protezione durante il periodo estivo, possono avere un impatto negativo sugli ecosistemi marini, così come altri prodotti come creme idratanti o shampoo. NATRUE, che dal 2007 promuove l’autentica bellezza naturale e biologica, fornisce una guida per scegliere formulazioni rispettose dell’ambiente.

L’impatto delle microplastiche e degli ingredienti sintetici – Le microplastiche sono presenti non solo in alcune creme solari, ma anche in esfolianti, gel doccia o dentifrici. Queste minuscole particelle, anche se efficaci, possono passare attraverso i sistemi di filtraggio dell’acqua, finendo poi in fiumi, laghi e oceani, contribuendo all’inquinamento e al deterioramento degli habitat marini. La crescente consapevolezza ambientale sta però guidando un cambiamento significativo nelle preferenze dei consumatori verso prodotti sostenibili e i marchi di cosmetici si stanno adattando a queste nuove esigenze, considerando che i lanci di cosmetici con indicazioni etiche e ambientali sono cresciuti del 66% negli ultimi cinque anni, tra ottobre 2018 e settembre 2023 .

Le formulazioni certificate NATRUE rappresentano un impegno per la protezione dell’ambiente marino – NATRUE non ammette sostanze provenienti da organismi geneticamente modificati (OGM), siliconi, parabeni, microplastiche, fragranze sintetiche o oli minerali nella formulazione dei prodotti che portano il suo marchio. Pertanto, tutti i cosmetici certificati NATRUE – l’elenco è disponibile sul sito dell’associazione – garantiscono un’efficace protezione e cura dell’epidermide senza compromettere gli ecosistemi marini. Lo standard NATRUE stabilisce non solo requisiti di biodegradabilità, ma presta attenzione alle confezioni, sempre ridotte al minimo, e ai prodotti, che andrebbero sviluppati per usi multipli. Inoltre, i rigidi criteri applicati da NATRUE prevedono che i packaging dovrebbero essere riciclabili e, ove possibile, prodotti con materiali rinnovabili.

La routine di bellezza estiva: i 4 consigli di NATRUE per essere sempre splendenti. Si parte dall’esfoliazione con scrub naturali e sostenibili. NATRUE invita a scegliere cosmetici naturali e certificati a base di caffè macinato, sale marino e gusci di noce schiacciati, poiché le microsfere presenti in molti prodotti sintetici rappresentano un problema ambientale non indifferente. Quando si idrata la pelle, vanno evitati siliconi e petrolati che possono persistere nell’ambiente e causare danni a lungo termine, optando per alternative sostenibili, come il burro di karité, l’olio di jojoba e l’aloe vera, che nutrono la pelle e si biodegradano velocemente. Fondamentali in estate le creme solari, facendo però attenzione a quelle che contengono sostanze chimiche come l’ossibenzone e l’octinoxato che, pur essendo sicure per l’uso umano, possono avere impatti negativi sugli ecosistemi acquatici Queste sostanze sono state, infatti, collegate allo sbiancamento dei coralli e alla compromissione della salute degli organismi marini. Da non trascurare la cura dei capelli, messi a dura prova dall’esposizione prolungata ai raggi UV, dal cloro delle piscine e dalla salsedine del mare: estratti botanici e oli essenziali come quelli di argan e cocco forniscono nutrimento e lucentezza, senza gravare sull’ambiente.

“Anche in estate è fondamentale pensare all’ambiente, scegliendo una routine di bellezza naturale e certificata, formulata con ingredienti che contribuiscano a tutelare i delicati equilibri degli ecosistemi marini e delle specie che li abitano – commenta Paula Gómez de Tejada, NATRUE Global Communications and Public Relations Manager -. Anche quando si scelgono i cosmetici per i mesi più caldi, è molto importante cercare il marchio di certificazione NATRUE, che si basa su rigidi standard ed è garanzia di autenticità e trasparenza delle formulazioni naturali e sostenibili”.


Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Beatrice Luzzi nelle ultime settimane si era notevolmente riavvicinata a Giuseppe Garibaldi, confermando i passi avanti nel loro rapporto che c’erano stati nell’ultimo periodo trascorso insieme nella ‘Casa’ del “Grande Fratello“. Lei era stata certamente più cauta in merito all’evoluzione della situazione, ribadendo ancora una volta quanto le loro vite siano diverse e difficili da […]

L’estate è sinonimo di vacanze, mare, e lunghe giornate all’aria aperta. Tuttavia, con l’aumento del tempo trascorso sotto il sole, è importante proteggere la pelle dai dannosi raggi UV. L’uso della crema solare non è solo una questione di estetica per evitare scottature, ma anche di salute, per prevenire danni a lungo termine come l’invecchiamento […]