Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Sanremo 2017, la terza serata dedicata alle cover e i primi eliminati

Società - 10 febbraio 2017

Festival di Sanremo 2017, la terza serata dedicata alle cover e i primi eliminati della kermesse canora. Scopriamo insieme i momenti migliori della serata, gli eliminati e i look promossi e bocciati di ieri sera!

La terza serata di Sanremo 2017 porta con sé i primi big eliminati dalla kermesse: fuori le coppie Nesli-Alice Paba e Raige-Giulia Luzi, mentre si salvano, andando dritti in finale, Clementino, Ron, Giusy Ferreri e Bianca Atzei.

Aprono la serata i quattro “giovani” che si sfidano per diventare i finalisti di stasera: Maldestro e Lele hanno la meglio su Tommaso Pini e Valeria Farinacci, aggiungendosi  ai vincitori del primo round Guasti e Lamacchia. Nessuna delle canzoni convince a pieno, ma quello che è certo è che questa finale tutta al maschile porterà un nuovo giovane vincitore.

I big già promossi a pieni voti questa volta si sono esibiti in una particolare serata dedicata alle cover, riportando sul palco dell’Ariston alcuni grandi successi della canzone italiana del passato. Tra le esibizioni degne di nota, trionfa Ermal Meta con Amara Terra mia di Modugno.

Grazie alla bellezza del pezzo, ai cambi di tonalità, al falsetto finale e alla grande emozione, Ermal Meta si è aggiudicato il premio per la miglior cover. Al secondo posto troviamo Paola Turci con Un’emozione da poco di Anna Oxa, mentre al terzo posto si piazza Marco Masini, con un omaggio a Faletti grazie alla rivisitazione di Minchia signor tenente.

Gli ospiti della terza serata del 67esimo Festival di Sanremo sono stati Mika, Luca e Paolo, il Piccolo Coro dell’Antoniano, LP, Annabelle Belmondo, nipote di Jean Paul, e Anouchka Delon, figlia di Alain. Tra gli ospiti internazionali, anche se lui sottolinea di essere un ospite italiano, Mika è forse quello che colpisce di più. Il medley di sue grandi hit e una cover da brividi, con il tributo al compianto George Michael con la sua Jesus to a child, convincono  tutti.

Colpiscono anche le sue parole contro le discriminazioni che ha voluto pronunciare sul palco con la sua pacatezza ed eleganza: “La musica fa cambiare il colore della mia anima. Posso essere bianco, blu, violetto… tutto. È molto bello essere di tutti i colori. E se qualcuno non vuole accettare tutti i colori del mondo e pensa che un colore è migliore e deve avere più diritti di un altro o che un arcobaleno è pericoloso perché rappresenta tutti i colori.. Beh, peggio per lui. Sinceramente, questo qualcuno lo lasciamo senza musica”.

Ma non sono certo da meno Luca e Paolo, che tornano al festival pieni di simpatia e coinvolgono Maria De Filippi nel loro numero, facendo battute sarcastiche su alcuni programmi condotti da Maria. Ma il loro intervento, tra un sorriso e un battuta, ha un argomento serio di fondo: le paure dei nostri tempi. Dall’islam a Trump, dalla violenza sulle donne alla paura dell’ignoto, Luca e Paolo spiccano come sempre per la loro intelligente ironia.

Non può mancare una nota di colore con i look promossi e bocciati della terza serata di Sanremo 2017. Maria De Filippi ci regala un look spagnoleggiante in Givenchy by Riccardo Tisci, Chiara stupisce per eleganza total black vedo-non vedo in Melampo e Paola Turci stacca tutte con il suo abito Stella MCCartney con giacca e pantaloni.

Rimandati invece i look di Lodovica Comello in Vivetta, gli uomini con jeans e giacca, come Fabrizio Moro e Michele Zarrillo, gli outfit eccessivamente laboriosi di Raige e Giulia Luzi e il look pieno di arabeschi, colori e fantasie di Tommaso Pini.

leggi anche:

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA