Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Grassi idrogenati, dove si trovano e come riconoscerli

Salute - 30 marzo 2017

Sappiamo dove si trovano e come riconoscere i grassi idrogenati? Ecco i cibi "a rischio" grassi idrogenati presenti nei supermercati e nella nostra lista della spesa.

I grassi idrogenati sono una invenzione industriale che consiste nel creare, attraverso l’aggiunta di idrogeno, dei grassi sintetici (detti anche trans) e che sono pericolosi per la salute. I grassi idrogenati, tuttavia, hanno dalla loro parte il grande vantaggio di rendere decisamente più saporito ogni cibo a cui vengono aggiunti, permettendo anche una conservazione nel tempo che è molto più lunga di altri prodotti prodotti con grassi naturali.
Un esempio? Le patatine fritte in busta: contengono quasi tutte i grassi idrogenati e, a parte essere decisamente gustose, sono a lunghissima conservazione come nessuna altra patatina fritta in modo naturale.

Dove si trovano e come riconoscere i grassi idrogenati?

I grassi idrogenati si trovano specialmente nei prodotti alimentari industriali. Riconoscerne “ad occhio” l’utilizzo nella lavorazione alimentare non è affatto semplice, anche se, in linea di massima, i prodotti che hanno un aspetto consistente e che non si degrada nel tempo o sono particolarmente spumosi o spugnosi, possono contenere grassi idrogenati. Per avere la certezza dell’utilizzo dei grassi idrogenati, bisogna guardare l’etichetta. Vediamo i cibi a rischio.

Cibi pre-fritti a lunga conservazione

Come abbiamo detto, le patatine fritte industriali sono tra i prodotti che contengono grassi idrogenati. Un consiglio: fate le patatine fritte in casa, direttamente dalle patate fresche e con olio di semi di girasole. Pare che siano addirittura dietetiche se mangiate una volta a settimana!

La margarina

Non molto tempo fa la margarina è stata commercializzata come una sana alternativa al burro perché fatta da olio vegetale al posto del latte e dei grassi animali. Tuttavia la margarina, per mantenere la sua forma solida, ha spesso (non sempre) bisogno dell’ausilio dei grassi idrogenati.

Sono poi a rischio di contenuto di grassi idrogenati i seguenti alimenti:

  1. Prodotti da forno conservati (merendine, crostate…)
  2. Gelato industriale (non tutto)
  3. Alimenti dei fast food
  4. Pasta sfoglia e impasti surgelati
  5. Cioccolata
  6. Cracker e snack
  7. Paste e prodotti pronti surgelati
  8. Cibi confezionati disidratati
  9. Budini e dessert confezionati.

Naturalmente non è possibile dire che tutti i prodotti appartenenti a queste categorie contengano grassi idrogenati. Infatti è bene controllare le etichette e gli ingredienti per avere conferma che questo tipo di grassi siano stati usati nella lavorazione industriale. Si deve infine aggiungere a questo discorso che i grassi idrogenati non sono rischiosi se mangiati una volta tanto, ma solo con il passare del tempo e se assunti in maniera costante.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA