Sveglia il marito perché sta per partorire ma l’uomo è morto (e si poteva salvare)

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Un uomo, morto il giorno della nascita della figlia, avrebbe potuto vivere se un difetto cardiaco non fosse stato trascurato.

Thomas Gibson, 40 anni, è morto per un arresto cardiaco improvviso il 7 giugno 2023 dopo che un medico dell’ospedale ha “mal interpretato” una scansione 11 giorni prima. Lo ha ricostruito un’inchiesta presso la Corte del Coroner di Stockport, in Inghilterra.

Come riportato dalla BBC, se i medici del Wythenshawe Hospital di Manchester avessero impiantato un pacemaker a Thomas, sarebbe ancora vivo.

Il coroner (pubblico ufficiale che ha il compito di effettare un’inchiesta sulle cause di un decesso che si abbia motivo di sospettare dovuto a cause violente o non naturali), Christopher Morris ha concluso che Gibson è deceduto a causa di una morte cardiaca improvvisa dovuta a fibrosi miocardica.

Primo soccorso d’emergenza

Il giorno in cui Thomas Gibson doveva diventare padre, la sua compagna Rebecca Moss ha cercato di svegliarlo mentre si preparava ad andare in ospedale per un parto cesareo.

“Svegliati, è il giorno del bambino,” gli ha detto, ma lo ha trovato “rigido e freddo” e ha tentato di eseguire un primo soccorso d’emergenza fino all’arrivo dell’ambulanza nella loro casa a Stretford.

È stato dichiarato morto e lei ha dato alla luce la loro figlia, Harper, lo stesso giorno.

Le conclusioni dell’inchiesta

Al termine dell’udienza dell’inchiesta di due giorni, Morris ha affermato: “Non riesco nemmeno a immaginare cosa deve essere stato per lei, soprattutto nel contesto di quello che doveva essere il giorno più felice per entrambi”.

Ha aggiunto: “Quando il team clinico lo ha valutato, non hanno capito che l’ECG mostrava un blocco cardiaco completo. Se fosse stato capito, Thomas Gibson sarebbe stato ricoverato sotto la cura dei cardiologi, una serie di indagini sarebbero state condotte, culminando probabilmente nell’impianto di un dispositivo come un pacemaker. È probabile che queste misure avrebbero evitato la sua morte”.

Le parole di Rebecca Moss

Parlando fuori dal tribunale, la compagna di Thomas Gibson, Rebecca Moss, ha detto: “Mi è stato detto che le inchieste non riguardano la colpa, ma ho tutto il diritto di essere arrabbiata e di cercare risposte per Tom, Harper e la nostra famiglia”.

Il direttore clinico

Mark Ainsley, direttore clinico di cardiologia dell’ospedale, ha detto che se il problema cardiaco di Mr. Gibson fosse stato individuato nell’ECG, probabilmente sarebbe stato monitorato e trattato subito con l’impianto di un pacemaker, una procedura che richiede “meno di un’ora”, ha detto.

Il coroner ha chiesto: “Pensa che quella sequenza di eventi avrebbe probabilmente evitato la sua morte?”.

Dr. Ainsley ha risposto: “Sì, penso che la breve durata tra l’ECG e il suo arresto cardiaco rende più che probabile che la sua morte sarebbe stata evitata”.

Le condizioni dell’uomo

L’inchiesta ha appurato che Thomas Gibson lavorava in una segheria ed era fisicamente in forma, ma aveva sofferto di un’influenza intestinale, con crampi e diarrea, per circa tre settimane prima della sua morte.

Ciò è culminato nella sua visita al pronto soccorso del Wythenshawe Hospital il 27 maggio dell’anno scorso.

È stato visto dal dr. Oliver Handley, che ha riconosciuto che il tracciato ECG mostrava segni di un’anomalia e lo ha riferito a un medico più anziano, il dr. Thomas Bull, per un secondo parere.

Diagnosi dell’ECG

Il dr. Bull ha affermato che la scansione ECG probabilmente rappresentava un’anomalia che ha descritto come un blocco intraventricolare, che “non è un riscontro raro” e non è clinicamente “significativo” senza altri sintomi correlati al cuore. Infatti, Thomas è stato dimesso.

Ma un’analisi successiva ha concluso che l’ECG identificava un blocco cardiaco completo, noto anche come blocco cardiaco di terzo grado, il tipo più grave.

Il dr. Matthew Thornber, un consulente dell’ospedale, ha affermato che i due ECG presi non erano esempi “da manuale” di un blocco cardiaco e una tale diagnosi richiede sfumature ed esperienza.

“Non è stato un errore banale”, ha detto.

Il coroner ha affermato che scriverà un rapporto per la prevenzione di future morti, indirizzato al direttore generale del Manchester University NHS Foundation Trust e all’Istituto Nazionale per l’Eccellenza Clinica riguardante la pratica clinica e l’interpretazione delle scansioni ECG.

Il Manchester University NHS Foundation Trust ha dichiarato: “Vogliamo ancora una volta estendere le nostre condoglianze alla famiglia di Thomas Gibson in questo momento molto difficile. Ci scusiamo perché le nostre cure non hanno raggiunto gli standard a cui aspiriamo”.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria