14 Ottobre 2021 |

Fedez, la Rai chiarisce: “Mai presentata querela per le accuse del Concertone”

di Manuela Zanni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
  • La Rai non ha ritirato la querela contro Fedez per le sue accuse contro il servizio pubblico lanciate in occasione del Concertone del Primo maggio.
  • E non l’ha ritirata perchè, in realtà,  «la Rai non ha mai presentato querela contro Fedez».
  • Lo ha precisato l’amministratore delegato Rai, Carlo Fuortes, in audizione in commissione di Vigilanza.

 

La RAI  ha sentito la necessità di fare una dovuta precisazione in merito all’affaire Fedez durante il Concertone del Primo Maggio in occasione del quale il rapper e marito di Chiara Ferragni aveva mosso accuse piuttosto pesanti nel confronti della televisione di stato.

Nessuna querela contro Fedez da parte della RAI

Sembra infatti che non ci fosse alcuna querela da ritirare per il semplice motivo che, in realtà, la denuncia non fosse mai stata sporta nei confronti del monologo di Fedez per le sue accuse contro il servizio pubblico lanciate in occasione del Concertone del Primo maggio.

 

La precisazione della RAI

«La Rai non ha mai presentato querela contro Fedez», lo ha precisato l’amministratore delegato Rai, Carlo Fuortes, in audizione in commissione di Vigilanza, in riferimento a quanto in precedenza sollevato dal presidente della commissione parlamentare Alberto Barachini proprio su questa vicenda.

Rai, Fuortes sul caso Fedez

Sul fronte editoriale, sollecitato dai parlamentari della Vigilanza, il top manager si è espresso  sul caso Fedez, e ha affermato: “Non è esatto dire che la Rai abbia ritirato una querela, la Rai non l’ha mai fatta. E sono scaduti i 90 giorni per farlo“. Sulla vicenda, legata alle polemiche sullo scorso concerto del Primo Maggio, il numero uno della Rai ha sottolineato che si è trattato di un episodio verificatosi prima dell’insediamento della nuova governance.

La fake news della ritira della denuncia

Nei giorni scorsi era infatti circolata notizia che la RAI avesse ritirato la querela contro Fedez e che questi,  secondo una coincidenza che a qualche personaggio politico era apparsa singolare, proprio in quegli stessi giorni venisse intervistato da Fabio Fazio  a “Che tempo che fa”.

La richiesta di chiarimenti

A questa illazione era seguita una lettera in cui venivano  richiesti  chiarimenti da parte del presidente della commissione, Alberto Barachini, e di altri commissari, motivo per il quale  Fuortes ha sentito il dovere di chiarire che, in realtà,  la querela non c’è mai stata e che  i 90 giorni, termine previsto per  proporla,  erano scaduti. Ha, inoltre, sottolineato l’attuale Cda di viale Mazzini si è insediato il 15 luglio, ovvero 75 giorni dopo l’accaduto.

La polemica  social tra Fedez e Franco Di Mare

All’epoca il direttore di Rai3 Franco Di Mare annunciò una querela per diffamazione ai danni del cantante, ma quella querela, come precisato dall’amministratore delegato Carlo Fuortes, non è mai partita.  Ma non è ancora  il caso di cantare vittoria.

Ospitata a pagamento?

Alberto Barachini, presidente di commissione di vigilanza Rai, ha parlato di un’ospitata di Fedez a Che Tempo che Fa “a titolo oneroso”. Questo vuol dire che il rapper sarebbe stato pagato per promuovere un suo brano?  “Ma come, Fedez non aveva detto che voleva denunciare i dirigenti Rai? E che la Rai voleva censurarlo?  io gli avevo creduto!”, aveva commentato   il giornalista Jacopo Jacoboni, scatenando la reazione del diretto interessato.

La replica di Fedez

Ma come un giornalista che non si accerta della veridicità di una notizia? Ci avevo creduto”, ha twittato Fedez. “Per buona pace tua non ho preso un centesimo per cantare. E se ti sforzi senza svenire forse capisci anche perché non mi hanno querelato, nonostante l’annuncio fatto a voi lecca culetti”.   Resta ancora poco chiaro per quale motivo Alberto Barachini abbia parlato di un’ospitata a ‘pagamento’ da parte  della Rai su cui si spera, nei prossimi giorni, si riesca a fare luce.