27 febbraio 2014 |

NekNomination i rischi del nuovo fenomeno social

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Nek sta per “collo” (della bottiglia) e Nomination per “sei stato sfidato”, come ricorda il termine “nomination” del celeberrimo Grande Fratello.

La sfida, cioè, consiste nell’afferrare il collo della bottiglia e tracannare tutto l’alcol contenutovi, fino alla fine, e senza fermarsi mai. Insomma, un vero e proprio social drink game.

La follia social è partita da un gruppo di ragazzini australiani che taggando alcuni amici sulla pagina Facebook, li invitava a una sfida alcolica tra partecipanti, con una sola regola di base: bere tutto d’un fiato.

Da qual giorno in poi, il fenomeno non si è più fermato e il pianeta Facebook pare essere improvvisamente travolto da una nuova sorta di ipnosi di massa: la NekNomination.

Anche in Italia la Necnomination (così si chiama qui) si sta diffondendo a macchia d’olio e ovviamente in modo maggiore tra gli adolescenti. Il gioco è partito su Facebook il 6 gennaio scorso e la pagina ha raggiunto in poco tempo già 40 mila adesioni, alimentandosi velocemente e in modo del tutto incontrollabile.

Le regole del gioco sono ormai note tra i più giovani e affezionati al fenomeno e sono le seguenti:

  1. Qualcuno ti tagga
  2. Hai 24 ore per raccogliere la sfida
  3. Quando parte, solo pochi minuti per mandare giù tutto il liquido contenuto in un bicchiere o anche in una bottiglia
  4. Nelle sfide più estreme si pubblica il video della propria sfida e della propria vittoria… sempre se di vittoria si può parlare

I rischi sono ovviamente altissimi

Non sono, infatti, mancate le prime vittime tra cui un ragazzo italiano che solo qualche giorno fa è finito in ospedale per coma etilico.
Il fatto è accaduto ad Agrigento ma, ovviamente, è scattato l’allerta di genitori e sanità che richiamano sulla gravità e sulle potenzialità distruttive del gioco social forse più stupido mai inventato prima.

Potrebbe interessarti anche