Vitamine del gruppo B, ecco perchè sono indispensabili per l’organismo

di Claudia Scorza

Le proprietà delle Vitamine del gruppo B sono tantissime e sono tutte molto utili per il corretto funzionamento del nostro corpo. Esse, infatti, ricoprono un ruolo essenziale nel controllare il normale andamento del sistema nervoso e sono fondamentali per mantenere un adeguato  tono muscolare dell’area gastrointestinale.

Le Vitamine B sono indispensabili per la pelle, i capelli e il cuoio capelluto, ma anche per la salute di bocca, occhi e fegato. Esse inoltre hanno l’importante funzione di convertire i carboidrati in glucosio, elemento utilizzato dall’organismo per produrre energia.

Se attraversate un periodo di forte stress, stanchezza, depressione, convalescenza, se soffrite molto i cambi di stagione o siete delle sportive, non potete assolutamente fare a meno di questa importantissima vitamina. Le Vitamine del gruppo B si trovano soprattutto nei cibi di origine animale, come carne di maiale e tuorlo d’uovo, ma non solo: se siete vegane o vegetariane potete assumere la Vitamina B attraverso tanti alimenti di origine vegetale, come legumi, nocciole, mandorle, banane e ortaggi verdi freschi o tramite integratori naturali.

Le Vitamine del gruppo B sono tante e comprendono diverse molecole che spesso si trovano insieme negli stessi alimenti. Ognuna di loro ha un compito specifico, ma, se assunte congiuntamente, lavorano in sinergia per la salute del cervello, del sistema nervoso e muscolare, delle pelle, dei capelli e delle unghie. Scopriamo quali sono e quali cibi assumere per mantenere alto il livello di Vitamine B nel nostro organismo.

La Vitamina B1, chiamata Tiamina, si trova soprattutto nei cereali integrali e si occupa di trasformare il glucosio in energia ed è quindi fondamentale in caso di sport, spossatezza e stanchezza. La Vitamina B2, la Riboflavina, invece, si trova in particolare nelle uova e serve a mantenere in buona salute i tessuti e le mucose. In caso di carenza di Vitamina B2 le labbra si screpolano, soprattutto ai lati della bocca.

La Vitamina B3, Niacina o vitamina PP, è utile per mantenere in buono stato le mucose del tratto gastrointestinale e la pelle. La carenza di Vitamina B3 produce debolezza del tono muscolare, stanchezza, dermatiti, perdita dell’appetito, alito pesante e difficile digestione. Una delle fonti più importanti di B2 è il salmone. La Vitamina B4, chiamata Adenina, è presente soprattutto nel lievito di birra ed è di grande stimolo per il sistema immunitario, aumentando le difese. Inoltre rende la pelle più sana e protegge il sistema nervoso.

Potete, invece, trovare la Vitamina B5, l’Acido pantotenico, nei legumi ed è essenziale per una corretta assimilazione degli alimenti con la conseguente trasformazione di essi in energia. La carenza di B5 causa capelli sfibrati, pelle spenta, allergie, stanchezza e cefalee. Nella soia e nei suoi derivati, invece, si trova molta Vitamina B6, la Piridossina, molecola che protegge il sistema nervoso centrale e che è in grado di regolare il livello di serotonina nel nostro corpo, ormone che influenza il buonumore.

La Vitamina B7, l’Inositolo, aiuta a mantenere bassi i livelli di colesterolo e depura l’organismo, risultando molto utile in caso di intossicazioni alimentari e al termine di una terapia farmacologica prolungata. L’Inositolo è presente soprattutto nelle varie tipologie di cavoli ma anche in altri cibi, come tuorlo d’uovo, pesce, prugne secche, riso integrale, noci e fiocchi d’avena. La Biotina, Vitamina B8, invece, è indicata per il mantenimento di capelli e pelle sani, in particolare in caso di trattamenti di dermatiti e acne. Potete trovarla nel fegato, nel tuorlo d’uovo, nelle arachidi, nei piselli secchi, nei funghi e nel lievito di birra.

La vitamina B9, conosciuta anche come Acido folico, ha la particolarità di non essere sintetizzata spontaneamente dall’organismo e per questo deve essere assunta esternamente attraverso gli alimenti. Essa è indicata per il corretto metabolismo delle proteine, per combattere l’anemia e i disturbi di memoria e per diminuire il rischio di malattie cardiovascolari. Ne è molto ricca la carne, in particolare il fegato, ma anche latte, ortaggi verdi, patate, carote, fagioli, germe di grano, uova e nocciole.

Infine, troviamo la Vitamina B12, la Cobalamina, molecola fondamentale per la sintesi dell’emoglobina nel sangue. Tutto il pesce è ricco di Vitamina B12, ma anche la carne e i prodotti caseari. Per questo, chi segue una dieta vegana o vegetariana dovrebbe assumere la B12 attraverso integratori, poiché livelli molto bassi di vitamina B12 possono portare ad anemia e a disturbi al sistema nervoso centrale.

Leggi anche:


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Sono stati isolati 16 casi di influenza australiana presso l’ospedale Pediatrico Bambino Gesù. La conferma arriva dai ricercatori dell’Area di Microbiologa e Diagnostica di Immunologia dell’Ospedale, che hanno rintracciato il patogeno in 16 bambini. Influenza australiana: primo caso Attraverso l’analisi del profilo molecolare dei patogeni contratti, in tutti e 16 i casi è stato rilevato […]

3 min

L’Alzheimer è una patologia abbastanza complessa che si articola con la perdita di memoria. Qualunque cosa, che sia recente o un ricordo che un tempo era vivido nella mente, adesso non c’è più. Questa malattia è il dramma dei cari e ovviamente del paziente stesso che necessita di svariati strumenti per non dimenticare ad esempio […]

3 min

L’erotomania è una patologia abbastanza complessa da gestire. Viene classificato come disturbo delirante di tipo erotomane. Si tratta di una profonda convinzione che un’altra persona abbia sentimenti romantici o sia innamorata della persona delirante. Questa situazione può generare comportamenti di stalking verso l’altra persona. Erotomania: come si manifesta Questa sindrome distorce totalmente la percezione che […]

2 min

I dolori articolari possono essere abbastanza fastidiosi e spesso causati da tantissimi fattori. I sintomi sono più o meno simili, ovviamente si differenziano in base al punto in cui si scatenano. A volte sono il risultato di un semplice affaticamento o di infezioni come l’influenza, oppure si verificano quando carichiamo eccessivamente una parte del nostro corpo. […]