Cosa sappiamo sul vaccino di Moderna per i bambini?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Moderna ha detto che il suo vaccino contro il Covid-19 ha generato una forte risposta immunitaria. E’ stato generalmente ben tollerato nei bambini di età compresa tra 6 mesi e 6 anni. Scopriamo quali sono gli effetti collaterali e la risposta prodotta.

Vaccino Moderna: effetti collaterali

La casa farmaceutica ha affermato che due dosi da 25 microgrammi del vaccino, un quarto della dose somministrata a persone di età pari o superiore a 18 anni, hanno prodotto una risposta anticorpale simile a quella osservata in uno studio clinico su adulti.
Per i circa 6.900 bambini negli studi. La maggior parte degli effetti collaterali è stata “lieve o moderata”. Inoltre non sono stati segnalati casi di una rara condizione cardiaca chiamata miocardite , ha affermato la società. Lo riporta Nbcnews.com

Vaccino Moderna: la protezione

La protezione contro l’infezione dalla variante Omicron del coronavirus era bassa. Per i bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni, l’efficacia era del 43,7% e nei bambini di età compresa tra 2 e 6 anni era solo del 37,5%. Moderna ha affermato che la maggior parte delle infezioni è stata lieve. Non ci sono stati casi di malattia grave, ricovero o morte.

I risultati potrebbero essere una buona notizia per alcuni genitori. Un recente rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention ha rilevato che durante l’impennata della variante omicron, iniziata a fine dicembre, il tasso di ospedalizzazione per neonati e bambini fino a 4 anni era circa cinque volte il tasso durante il picco del delta variante la scorsa estate e autunno.

Il vaccino di Moderna dovrebbe ridurre il rischio di ospedalizzazione o malattie gravi nei bambini, anche se non ferma l’infezione, ha affermato il dottor Isaac Bogoch, specialista in malattie infettive presso l’Università di Toronto.

I bambini piccoli “possono ancora avere esiti gravi, sebbene sia molto meno frequente rispetto alle coorti più grandi”, ha detto.

Moderna ha affermato che prevede di presentare i dati alla Food and Drug Administration e ad altri regolatori nelle prossime settimane.

“I bambini di questa età a basso rischio di complicanze”

È difficile prevedere quale azione intraprenderà la FDA, data la minore efficacia, ha affermato l’esperto di malattie infettive Dr. Jesse Goodman della Georgetown University, ex capo scienziato della FDA.

“La FDA potrebbe decidere che i dati sono sufficienti per l’autorizzazione di emergenza dato che al momento non è disponibile un altro vaccino per questa fascia di età. Tuttavia, i bambini di questa età, se altrimenti sani e senza altri problemi medici, sono solitamente a basso rischio di complicanze del Covid, quindi non è chiaro quanto ampiamente venga utilizzato o raccomandato il vaccino”.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]