I consigli per scegliere un latte di qualità e sostenibile

di Claudia Scorza


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il latte è un alimento molto utilizzato in cucina, sia come bevanda per la colazione sia come ingredienti per preparare sfiziose ricette in cucina. Ma quanto sappiamo del latte che consumiamo? Ecco tutti i consigli per scegliere un latte di qualità e sostenibile, per gustare al meglio un ottimo prodotto.

Innanzitutto è importante conoscere le differenze tra latte intero, scremato e parzialmente scremato per quanto riguarda la quantità di grassi contenute. Se nel latte intero la percentuale di grassi non può essere inferiore al 3,8%, negli altri due tipi il livello si riduce di molto, rispettivamente tra l’1,5 e l’1,8% nel latte parzialmente scremato e non superiore a 0,5% per quello scremato.

Inoltre è sempre molto importante scegliere latte fresco, vaccino o meno, poiché è più ricco di vitamine in quanto sottoposto a un trattamento termico contenuto. Per capire se è un latte di qualità e sostenibile sarebbe fondamentale approfondire la filiera produttiva, dal momento che in base all’alimentazione degli animali e alla cura nei controlli, le proprietà e la sostenibilità del prodotto possono subire variazioni non trascurabili.

È anche opportuno sapere di cosa si parla con la dicitura latte “Alta Qualità”: si fa riferimento a un processo di pastorizzazione più delicato rispetto a quello del comune latte fresco pastorizzato. Questo tipo di processo, infatti, è meno “invasivo” sulle proprietà e sulle qualità finali del prodotto, oltre ad essere sottoposto a stretti controlli che escludono possibili rischi per i consumatori.

Anche la dicitura latte microfiltrato è un aspetto da conoscere, poiché indica un procedimento di filtrazione che elimina la maggior parte dei microbi e mantiene quasi del tutto inalterato il gusto del latte fresco, nonostante la conservazione sia di solito compresa tra i 10 e i 15 giorni.

Infine, per scegliere il latte è fondamentale conoscere l’origine precisa del prodotto, verificando che essa sia chiaramente indicata sull’etichetta. Sapere quali sono gli allevamenti e come gli animali vengono trattati e curati influisce sicuramente sulla qualità e sull’eticità del latte!

Leggi anche:

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il glifosato, un erbicida ad ampio spettro, è diventato uno degli strumenti più utilizzati nell’agricoltura moderna. Sin dalla sua introduzione sul mercato negli anni ’70 dalla Monsanto, sotto il nome commerciale di Roundup, il glifosato è stato adottato in tutto il mondo per il controllo delle erbacce. Tuttavia, il suo uso diffuso ha sollevato preoccupazioni […]

Una recente ricerca condotta dalla Cleveland Clinic e pubblicata sull’European Heart Journal ha suscitato preoccupazioni riguardo al consumo elevato di xilitolo, un noto dolcificante utilizzato in vari prodotti alimentari a basso contenuto calorico. Secondo lo studio, un’assunzione eccessiva di xilitolo potrebbe aumentare il rischio di ictus e infarti a causa della potenziale coagulazione del sangue. […]

Una rivoluzionaria terapia immunoterapica ha mostrato una potenza dieci volte superiore rispetto alla chemioterapia tradizionale nel trattamento del cancro al colon-retto, aprendo la strada a potenziali sostituzioni chirurgiche. Questo è il promettente risultato di uno studio condotto da un team di ricerca britannico, che ha esaminato l’efficacia del farmaco Pembrolizumab. Pembrolizumab, principio attivo del farmaco […]