Dormire ti fa bella: ecco 4 cose che lo dimostrano

di Danila


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

[multipage]

Ci hanno sempre detto che dormire poco non fa bene alla nostra salute e che, al contrario, se riposiamo il numero di ore di cui il nostro corpo necessita per ricaricarsi non solo ne beneficia la nostra salut,e ma anche nostra bellezza. Detto in altre parole: dormire ti fa bella, al di là del fatto che riposare di più potrebbe avere dei vantaggi nella nostra vita diurna.

[/multipage][multipage]

Chi dorme di più ha una pelle più bella

La nostra pelle senza dubbio è uno dei fattori più influenzati dalla mancanza di sonno. Chi riposa poco tende ad avere un colorito spento e meno sano, mentre chi riposa di più ha un volto più luminoso e più rilassato e questo rallenta anche la comparsa degli inestetismi legati all’età e al passare del tempo. In pratica succede che la pelle durante il sonno si rigenera, si rilassa e anche i segni d’espressione sono meno evidenti. Al contrario, più siamo stanchi e stressati, più il nostro aspetto ne risente.

[/multipage][multipage]

Chi riposa bene ha un viso più sorridente

Apparentemente potrebbero bastare 5 ore di sonno per sentirsi ricaricati; in realtà il nostro volto ci tradisce e il nostro aspetto urla a chiare lettere che avremmo bisogno di più ore di riposo per sentirci davvero rigenerati. Se siete più riposati anche il vostro viso sarà più rilassato e sorridente, perché senza dubbio dopo almeno 7 o 8 ore di sonno vi sveglierete con un umore migliore e un atteggiamento più positivo anche se vi attende una lunga giornata di lavoro. Non a caso durante il weekend e quando siamo in vacanza abbiamo un aspetto migliore!

[/multipage][multipage]

Dormire evita di farci ingrassare

Secondo diversi studi esiste una relazione molto stretta tra i chili in eccesso e lo stile di vita, tra cui rientra anche il sonno e le ore che dedichiamo al riposo nell’arco della nostra giornata. Dormire aiuta il nostro metabolismo e di conseguenza ci aiuta a controllare il peso: non è sbagliato dire che dormire poco fa ingrassare, anche se dipende anche dalle abitudini alimentari e da altri aspetti che riguardano lo stile di vita.

[/multipage][multipage]

Dormire come rimedio contro le occhiaie

Una persona che riposa poco o che dorme male, o particolarmente stanca la si riconosce immediatamente: basta semplicemente guardare i suoi occhi. Le occhiaie sono senza dubbio un primo effetto collaterale in questi casi, al contrario chi dorme di più, che ha uno sguardo più luminoso e riposato.

[/multipage]

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]

La recente lettera della Società psicoanalitica italiana inviata al Ministro della Salute Orazio Schillaci, in cui si esprimeva una certa preoccupazione riguardo all’uso di farmaci per la disforia di genere in adolescenza, ha scatenato un acceso dibattito sui giornali. L’argomento in realtà non è nuovo, già nel 2018 se ne era parlato con riferimento al […]