Amenorrea, cause e rimedi

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Ti è mai capitato di avere una cessazione temporanea del ciclo mestruale dopo che la funzione mestruale si è svolta regolarmente? Allora potresti soffrire di amenorrea secondaria, un problema che può colpire le donne in diversi momenti della vita e che consiste proprio nella mancanza di mestruazione per alcuni mesi.

È importante precisare che tale assenza di ciclo è assolutamente fisiologica e normale in alcuni periodi: prima della pubertà, dopo la menopausa, durante la gravidanza, per un periodo più o meno lungo durante l’allattamento. Se l’amenorrea compare in altri casi, allora è necessario considerare il disturbo come un indizio di un probabile malfunzionamento a livello dell’endometrio.

Esistono due tipi di amenorrea:

  1. amenorrea primaria: si manifesta in ragazze intorno ai 14-16 anni che non hanno mai avuto il ciclo mestruale e che spesso non danno nemmeno segni di altre caratteristiche sessuali (come seno o peli pubici). È indice di un disturbo dell’apparato riproduttivo-genitale ed è quindi opportuno rivolgersi al proprio ginecologo per indagarne le cause.
  2. amenorrea secondaria: si manifesta in donne che hanno avuto una regolare funzione mestruale che però si è arrestata per un periodo di circa 6 mesi.

Sintomi dell’amenorrea secondaria: l’amenorrea è di per sé un sintomo, non una malattia. A seconda della causa, può essere accompagnata da una varietà di altri sintomi come cefalea, aumento o perdita di peso, diminuzione o aumento della pelosità corporea, gonfiore del seno, secchezza vaginale.

Cause principali dell’amenorrea secondaria:

  • squilibrio o alterazione ormonale (estrogeni e progesterone);
  • variazione di peso con possibile denutrizione (spesso legata a disturbi dell’alimentazione come anoressia e bulimia);
  • eccessivo esercizio fisico (frequente tra le atlete);
  • problema del sistema riproduttivo (come cisti ovariche, sindrome dell’ovaio policistico, menopausa precoce in età giovanile);
  • stress, fattori nervosi e psichici (non c’è un legame certo tra stress e malattia, ma un forte periodo di stress si ripercuote spesso sul nostro fisico debilitandoci e causando problemi psicologici, come la perdita di peso, che potrebbero determinare conseguenti disturbi mestruali.)

Rimedi

È fondamentale fare un’anamnesi personale per poter stabilire l’origine dell’amenorrea e decidere un’eventuale terapia. Per essere compiuta con precisione, la diagnosi richiede una serie di esami, come esami ematochimici e strumentali, in grado di determinare lo stato funzionale delle varie parti dell’apparato genitale. Gli accertamenti devono essere richiesti dal ginecologo, ripetuti ad intervalli regolari di tempo e per un periodo sufficientemente lungo in modo da rilevare le modificazioni cicliche. La terapia dipende sempre dalla causa scatenante e per questo può variare da paziente a paziente: in alcuni casi più gravi si potrà intervenire chirugicamente, in altri con una terapia ormonale sostitutiva (HRT), sempre a discrezione del parere medico del ginecologo.

Leggi anche:

Potrebbe interessarti anche