06 luglio 2018 |

Cos’è la sindrome dell’infertilità psicogena e da cosa dipende

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Infertilità psicogena

Qualche volta le coppie non riescono ad avere un bambino per problematiche che come direbbe un medico non sono di tipo biologico. Anche lo stress può essere causa di una mancata gravidanza, ecco perché spesso si parla di sindrome dell’infertilità psicogena. Cos’è e da cosa dipende? Scopritelo in questo articolo.

L’ infertilità psicogena è, ad oggi, una patologia ancora poco conosciuta ma che in molti casi risulta un problema che affligge le coppie che non possono concepire un bambino. Una mancata gravidanza può dipendere da tantissimi fattori, non sempre però si tratta di un vero e proprio problema riduttivo. Dunque cerchiamo di capire cos’è la sindrome dell’infertilità psicogena e da cosa dipende!

Quando si parla di infertilità maschile o di infertilità femminile subito si pensa esclusivamente a problemi biologici ma in alcuni casi le cause andrebbero cercate proprio a livello psicologico che, in questi casi, assume una posizione determinante. Non è insolito infatti che, nonostante gli esami clinici evidenzino un perfetto stato di salute dei partner, il concepimento risulti problematico. Ma quali sono le cause dell’infertilità psicogena?

Le cause dell’infertilità psicologica sono numerose e possono essere molto diverse tra loro, ed è proprio per questo motivo che riuscire a diagnosticare una tale patologia risulta molto complesso anche per gli esperti. La prima delle cause è quella di non sentirsi ancora pronto ad assumere un ruolo genitoriale. Molte coppie, infatti, pur desiderando fortemente un bambino, hanno inconsciamente il terrore di diventare genitori e questo li condiziona fortemente a livello emotivo.

Un’altra delle cause psicosomatiche dell’infertilità è ovviamente lo stress, le continue pressioni alle quali giornalmente siamo sottoposti sia a livello lavorativo che familiare. In Italia infatti si è registrato come, negli ultimi anni, all’aumento delle ore lavorative alle quali siamo sottoposti corrisponde un calo della natività.

Esistono delle cure all’infertilità psicogena le quali, però, devono essere consigliate e seguite da uno specialista, come uno psicologo o un sessuologo. In primo luogo si cercherà di individuare eventuali paure al fine di eliminarle. Inoltre è chiaro che si verrà orientati verso un radicale cambio di stile di vita che possa riportare, all’interno della coppia, quella sensazione di serenità perduta.

LEGGI ANCHE:

Infertilità, come funziona la stimolazione ovarica e quali sono i rischi
Infertilità secondaria, quando il secondogenito non arriva

Potrebbe interessarti anche