Melissa Satta denuncia: “Io vittima di bullismo per la mia storia con Berrettini”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La showgirl e modella sarda Melissa Satta dice basta ai leoni da tastiera. E lo fa attraverso una serie di storie condivise su Instagram, proprio il social network sul quale ha ricevuto numerosi attacchi.

Il motivo? Il calo di ‘rendimento’ del suo fidanzato, il tennista romano Matteo Berrettini.

Tanti i commenti offensivi ricevuti da Satta dopo che la relazione è divenuta di dominio pubblico, a gennaio di quest’anno.

Cosa è successo a Matteo Berrettini

Matteo Berrettini ha dovuto ritirarsi dal Torneo di Montecarlo a causa di un infortunio muscolare agli addominali rimediato nella partita vinta in quasi tre ore contro Francisco Cerundolo.

Gli haters, denuncia Satta, si sono scatenati, dando in qualche modo la colpa dell’infortunio alla fidanzata dell’atleta. Matteo Berrettini, nonostante il difficile momento, rimane comunque fra i più forti al mondo (al momento è al 22esimo nella classifica Atp).

“Sto vivendo una situazione surreale”

In realtà gli attacchi a Melissa Satta non sarebbero cosa nuova e la showgirl ha deciso di rompere il silenzio spiegando cosa sta accadendo: “Non sono solita fare questi tipi di video ma sto vivendo una situazione sui social surreale. Da mesi ricevo messaggi pieni di insulti. Messaggi di sessismo e bullismo. Io vengo attaccata per la mia storia personale e sentimentale che sto vivendo”.

“Voglio provare ad essere felice”

La Satta rivolgendosi ai follower ha detto: “Sono un personaggio pubblico e so che posso venire paparazzata, che mi possono chiedere autografi e sono molto contenta di questo, anche se amo avere la mia privacy. In questo momento sto vivendo una relazione sentimentale con un’altra persona e voglio provare ad essere felice. Vivo una vita normale fuori dai riflettori. In questi giorni non so per cosa vengo accusata, forse per essere donna e perché il mio compagno vive un momento difficile lavorativo. Se magari fosse successo dall’altra parte? L’uomo verrebbe colpevolizzato alla stessa maniera?”.

“Usare i social con maggiore responsabilità”

E ancora: “Questo è bullismo e sessismo, spero che il mio messaggio arrivi a quelle donne che vivono la mia stessa situazione. Vorrei che i social vengano usati con maggiore responsabilità. Perché odiare e offendere? Non concepisco questo tipo di ignoranza e voglio dire basta a questi leoni da tastiera che aprono Instagram e decidono di insultare qualcuno, oggi Melissa domani magari Francesca. Pensate se queste donne fossero vostra madre, la vostra fidanzata, la vostra nipote… Noi donne dovremmo unirci, dovremmo supportarci e gli uomini dovrebbero supportarci ed essere forse anche più gentili”.

L’amarezza nei confronti della stampa

Melissa Satta non nasconde la propria amarezza a seguito di quanto hanno scritto alcuni giornali e annuncia di voler procedere per vie legali.

“Ieri una testata giornalistica anche molto importante ha fatto un titolo surreale ‘Melissa porta sfortuna’. Negli anni io ho imparato a farmi scivolare addosso queste cose, lo faccio per le tante ragazze che ogni giorno vivono situazioni simili di bullismo e sessismo. Facciamo tutti un esame di coscienza, non voglio che mio figlio cresce con tutto questo odio” conclude.

Melissa Satta, insomma, chiede una tregua e spera che il suo messaggio possa sensibilizzare l’opinione pubblica. Troppe infatti le persone celebri che vengono attaccate gratuitamente.

Ma il problema degli haters non riguarda solo i vip: nel mondo del web insulti e aggressioni verbali sono, purtroppo, all’ordine del giorno.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

La stagione televisiva volge al termine, ma già ora sono iniziati i lavori in vista della nuova edizione di “Temptation Island”, uno degli appuntamenti più attesi dell’estate, che non mancherà di fare discutere anche nei mesi successivi (il caso di Mirko e Perla insegna). Spesso nel cast del reality si ritrovano spesso personaggi già noti, […]