29 ottobre 2018 |

7 libri di autori giapponesi da leggere assolutamente

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Cosa leggere per conoscere meglio il Giappone e la sua cultura millenaria? I libri di autori giapponesi da leggere assolutamente sono diversi e tutti molto belli. Scopriamo allora alcuni di quelli che non dovrebbero mancare nella vostra libreria personale!

Per conoscere meglio le tradizioni, la cultura, la storia e l’arte giapponese potete dedicarvi alla lettura di romanzi e libri di autori giapponesi. Da sempre, infatti, l’Oriente affascina i lettori di tutto il mondo grazie a libri mitologici, spirituali, che rimandano alla religione e alla filosofia giapponese. Un mondo tutto da scoprire, quindi, grazie anche alla lettura di libri di autori giapponesi. Ma scopriamo qualche titolo interessante da non farsi scappare assolutamente!

Il Paese delle nevi di Yasunari Kawabata

Il Paese delle nevi è un paradiso sulla costa occidentale della maggior isola del Giappone, dove sorgono terme e luoghi di villeggiatura. E’proprio in questi luoghi che è ambientata la storia di Shimamura, ricco e raffinato esteta, e Komako, la geisha delle terme. Il loro destino è quello di maturare tra gli incanti e la corruzione di quel luogo appartato, dedito alla ricerca del riposo. Questo libro è stato tradotto in italiano e lo stesso autore Yasunari Kawabata, oltre al Paese delle nevi, ha scritto molti altri libri, come ad esempio Il suono della montagna, La casa delle belle addormentate e Il lago.

I dieci amori di Nishino di Kawakami Hiromi

Il libro dello scrittore Kawakami Hiromi ha come protagonista Nishino Yukihiko. Ma chi è davvero Nishino Yukihiko? Sicuramente un seduttore, ma forse anche un narciso un po’capriccioso, un infedele incapace di amare oppure un uomo segnato dal lutto e dal senso di colpa, che tenta di soffocare il proprio malessere con avventure e relazioni. Dieci donne della sua vita raccontano Nishino: ognuna, in modo diverso, lo ha amato e adorato e ognuna ne custodisce un suo ricordo.

A sud del confine, a ovest del sole di Haruki Murakami

Il libro narra la storia di Hajime, figlio unico nel Giappone degli anni Cinquanta, quando era rarissimo non avere fratelli o sorelle. Un giorno, però, Hajime scopre che la solitudine è solo un’abitudine, non un destino: lo capisce quando, a dodici anni, stringe la mano di Shimamoto, una compagna di classe sola quanto lui o forse di più: a distinguerla non c’è solo la condizione di figlia unica, ma anche il suo incedere zoppicante. Hajime è innamorato ma se ne rende conto troppo tardi, quando ormai la vita l’ha separato da lei. Hajime diventerà uomo e accumulerà amori, esperienze, dolori, errori, ma sempre con la consapevolezza che la vita non è quella che sta dissipando, ma quell’altra, quella che sarebbe potuta essere con Shimamoto.

Lo zen e la cerimonia del tè di Kakuzo Okakura

Tra i libri di autori giapponesi da leggere troviamo anche l’opera di Okakura, autore giapponese di una personalità complessa: Okakura fu infatti un grande studioso dell’Oriente, un messia autorevole e un poeta. Okakura, con questo libro volle spiegare al pubblico occidentale i caratteri dell’orientalità attraverso il simbolo dell’antica cerimonia del tè: parla di questa bevanda, della sua storia, della sua importanza, descrivendone il rito davvero minuziosamente.

Il giapponese di Varsavia di Shusaku Endo

Scritto nel 1979, Il giapponese di Varsavia testimonia l’interesse dell’autore per la figura di Massimiliano Kolbe, il frate polacco, ora santo, che aveva vissuto come missionario in Giappone prima di morire nel campo di sterminio di Auschwitz nel 1941. Lo stesso autore Shusaku Endo ha scritto anche altri libri, come Silenzio, Il samurai e Vita di Gesù.

Un viaggio chiamato vita di Banana Yoshimoto

In questo libro, l’autore giapponese Banana Yoshimoto raccoglie preziosi frammenti di memoria e di ricordi e ci porta con sé, lontano nel tempo e nel mondo. La vita è dunque un viaggio e, come tutti i viaggi, si compone di tanti ricordi. Dalle pagine di questo libro l’autrice ci invita a riappropriarci del nostro tempo e a non perdere mai la fiducia negli altri esseri umani, perché quello che rimane, al termine del più difficile dei viaggi, è il riflesso nella nostra memoria di ogni singolo giorno vissuto.

Quel che resta del giorno di Kazuo Ishiguro

In questo romanzo il maggiordomo inglese Stevens ripensa alla propria vita spesa al servizio di un gentiluomo moralmente discutibile. Il viaggio in automobile verso la Cornovaglia lo costringe ben presto a rivedere il suo passato ed è cosi che, tra dubbi e ricordi dolorosi, si accorge di aver vissuto come un soldato, senza mai riuscire ad essere se stesso. Da questo romanzo dell’autore giapponese Ishiguro, nel 1993 il regista americano James Ivory ha tratto il famoso film con Anthony Hopkins ed Emma Thompson.

Leggi anche:

Carmela Giglio

Potrebbe interessarti anche