Noduli al seno: come riconoscerli con l’autopalpazione

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Molto è stato fatto negli ultimi anni per diagnosticare questa malattia in modo precoce e per curarla in modo efficace, ma è importantissimo continuare a sensibilizzare le donne, in particolare per quanto riguarda la prevenzione. La prevenzione del tumore al seno comincia direttamente a casa vostra con l’autopalpazione, un esame diagnostico che ogni donna deve imparare a fare da sola sul proprio seno per riconoscere noduli o altre anomalie. L’autopalpazione è solo il primo passo, la diagnosi vera e propria dovrà essere fatta da un medico, ma svolgere la palpazione del seno in modo regolare vi permette di rilevare con anticipo ogni possibile trasformazione sospetta del vostro seno.
Ecco allora alcuni utili consigli per riconoscere i noduli al seno con l’autopalpazione.

Prima di tutto le tempistiche: quando effettuare l’autopalpazione del seno? L’autoesame del seno va effettuato più o meno una volta al mese, meglio se alla fine del ciclo mestruale. Se siete in menopausa scegliete voi un giorno del mese e cercate di effettuare l’autopalpazione delle mammelle con regolarità.

Il primo passo è semplicemente una valutazione visiva del vostro seno: in piedi davanti allo specchio, con le mani alzate sopra la testa, osservate se forma e dimensione dei vostri seni sono diversi da come ve li ricordavate. Valutate se ci sono raggrinzimenti della pelle, eczemi, sporgenze irregolari dei capezzoli o al contrario retrazioni dei capezzoli. Guardate il seno anche di lato.

La seconda fase è l’autopalpazione vera e propria. La palpazione del seno destro va eseguita con la mano sinistra e tenendo il braccio destro piegato dietro la nuca; in modo opposto potrete eseguire la palpazione del seno sinistro. La palpazione delle mammelle va eseguita con i polpastrelli, con un movimento circolare della mano che deve interessare tutto il seno ed anche l’area sotto l’ascella. In questo modo sarà facile accorgersi della presenza di eventuali noduli, più o meno dolorosi al tatto.

Se trovate un nodulo non allarmatevi: nella maggior parte dei casi si tratta di situazioni benigne. Ad ogni modo affrontate subito il problema con un medico: la diagnosi precoce è il primo passo per la cura!

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Una protezione solare efficace permette di usufruire di tutti i benefici del sole, di divertirsi in spiaggia e di godersi le vacanze estive in tutta tranquillità, senza preoccuparsi degli spiacevoli effetti dei raggi UV.  È noto come un’esposizione eccessiva ai raggi del sole senza una protezione adeguata, possa danneggiare i tessuti epidermici, provocando fastidiose scottature, […]

Il biglietto da visita di ognuno di noi è sicuramente il viso. Grazie ad esso possiamo comunicare informazioni, come l’età e il genere, senza bisogno di parlare. Le emozioni, positive o negative che stiamo provando sono tutte visibili grazie alla mimica facciale.Per sentirci a nostro agio ed affrontare le giornate al meglio è importante prendersi […]

Quando si parla di bellezza e cura della pelle, la lista dei desideri è davvero infinita. Qualunque sia la nostra esigenza, però, una cosa è certa: ogni brand ha dei veri e propri must-have, che bisogna necessariamente conoscere. Per questo motivo, oggi abbiamo pensato di dedicare un focus a cinque classici Clinique, facili da trovare […]

Se stai cercando una soluzione comoda e sostenibile che unisce shampoo e balsamo, ecco alcune tips per guidarti nella tua scelta del prodotto ideale per la cura dei tuoi capelli. Shampoo solido 2 in 1 con balsamo: una scelta naturale per capelli sani e idratati Per coloro che cercano una soluzione completa e naturale per […]