Uccide l’ex moglie e il suo nuovo compagno, poi si toglie la vita

di Redazione

A Spinea, comune del Veneziano, un uomo e un donna, che vivevano insieme, sono stati trovati morti ieri sera, domenica 20 novembre, nella loro casa di via Leopardi. A scoprire i cadaveri sono stati i Carabinieri, allertati da una figlia della donna che dal pomeriggio non riusciva a contattre la madre.

Inizialmente si era pensato a un caso di omicidio-suicidio ma in nottata si è fatta avanti la pista del duplice omicidio e l’autore si è successo: l’ex marito della vittima. All’alba, i militari, hanno ritrovato il corpo dell’uomo in un capannone in via Oriago, a Venezia.

Secondo le ricostruzioni dei militari, la donna, Mynevere Karabollaj, 37 anni, di origini albanesi, si era trasferita da qualche anno a Spinea, insieme con il marito, dal quale però si era separata.

Alla base del duplice omicidio il rifiuto dell’assassino di accettare la nuova relazione della ex moglie. A morire, infatti, pure il nuovo compagno della donna, un 24enne, sempre di origini albanesi, Flonino Merkuri.

Sul luogo del duplice omicidio c’erano un coltello e una pistola, ma, come è stato accertato fin dal primo esame dei cadaveri, è stata l’arma da taglio a uccidere i due.

LEGGI ANCHE: Quei resti sono di Saman Abbas? La rivelazione di Quarto Grado.

Sei su Telegram? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Una dei maltrattamenti che ha preso piede negli ultimi anni è la violenza online.  Si tratta di abusi che si verificano principalmente sui social e sulle applicazioni di messaggistica. Ma non solo: si manifesta anche nel controllo ossessivo dei computer, cellulari del proprio partner. Ci sono dei segnali chiarissimi e assolutamente da non sottovalutare. Leggi […]

3 min

Alla vigilia della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne (25 novembre), i carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno stilato un bilancio dei risultati conseguiti nel contrasto alla più odiosa forma di reato. Con i numeri, anche un video per entrare “virtualmente” nelle case dei Napoletani e, perché no, anche negli smartphone. I numeri terrificanti […]