Violenze e abusi alla moglie, nuove accuse a Omar a 22 anni dal delitto di Novi Ligure

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Omar Favaro, oggi 41enne, è nuovamente al centro di un caso giudiziario. Ventitré anni dopo il drammatico delitto di Novi Ligure, dove da minorenne uccise con estrema ferocia la madre e il fratello minore della sua allora fidanzata Erika De Nardo, Favaro è ora accusato di maltrattamenti in famiglia.

Gravi accuse di violenza domestica

La Procura di Ivrea ha chiuso le indagini a suo carico, che potrebbero portare al rinvio a giudizio e al processo. Le accuse riguardano una ventina di episodi di violenza fisica, psicologica e sessuale nei confronti dell’ex moglie e della figlia, avvenuti tra il 2019 e il 2021.

Un clima di terrore tra le mura domestiche

Secondo quanto emerso, Favaro avrebbe sottoposto la ex consorte a un clima di terrore, con reiterate minacce di morte, di sfregiare il suo volto con l’acido o di ridurla su una sedia a rotelle. Inoltre, l’avrebbe controllata economicamente, vietandole di uscire di casa e sottoponendola a percosse, insulti e addirittura episodi di violenza sessuale. La Procura ha raccolto prove consistenti sugli abusi, tanto da richiedere inizialmente il divieto di avvicinamento alle vittime. Tuttavia, la scorsa estate il Tribunale del Riesame di Torino aveva respinto tale richiesta cautelare.

Favaro respinge le accuse, ma il caso procede

< Omar Favaro respinge con fermezza le accuse, definendole “calunniose”. Il suo difensore, l’avvocato Lorenzo Repetti, sottolinea che la vicenda si inserisce nell’ambito di una causa di separazione in cui è in discussione anche l’affidamento della figlia. h2>Interrogativi sul reinserimento sociale e la recidiva. Ora, la Procura di Ivrea ha concluso le indagini, e si attende l’udienza per il rinvio a giudizio di Omar Favaro. Il caso solleva interrogativi sulla sua capacità di reinserimento nella società dopo il tragico crimine commesso da minorenne, e sulla possibile recidiva di comportamenti violenti all’interno delle mura domestiche.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Il 23 giugno si celebra la Giornata Internazionale delle Vedove, un’occasione per riflettere sulla condizione spesso difficile di queste donne e per ribadire l’importanza di tutelare i loro diritti. Istituita dalle Nazioni Unite nel 2010, questa giornata mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle discriminazioni e le violenze che molte vedove subiscono in diverse parti del […]