Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Come conservare correttamente i farmaci in estate

Salute - 31 agosto 2017

Vediamocome conservare correttamente i farmaci in estate secondo le regole dettate dal AIFA, l'Agenzia Italiana del Farmaco.

I farmaci in estate devono essere conservati correttamente, ancor di più che nelle altre stagioni dell’anno.

La corretta conservazione del farmaco è descritta sul volantino -bugiardino- di ogni prodotto; tuttavia, l’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, ha dettato le linee guida per conservare correttamente i farmaci in estate, soprattutto date le alte temperature e la eventuale superficialità rispetto a questo argomento.

Prima di tutto, è bene sapere che se si espongono i medicinali a temperature superiori a 25° per uno, due giorni non se ne pregiudica la qualità. Questa esposizione, invece, impatta considerevolmente sulla data di scadenza se il farmaco viene esposto al sole o al caldo per lungo tempo.

I medicinali, inoltre, subiscono variazioni chimiche a causa del contatto con luce, calore, liquidi e vapori. Per questo motivo i farmaci devono essere riposti nel ben noto “luogo fresco e asciutto” dove non ci siano sbalzi di temperatura e luce eccessivi. E’ sbagliato, per esempio, tenere i medicinali in macchina, nel cui abitacolo la temperatura sale e scende di continuo. Se preparate una cassetta per i farmaci, perciò, accertatevi anche che sia di un materiale più a-termico possibile e che stia in una zona fresca e asciutta della casa. Attenzione: non tutti gli stipetti hanno questa caratteristica!

I farmaci non devono essere nemmeno lasciati al freddo ma la temperatura ideale massima è di 25°. Ci sono però delle eccezioni: i colliri per occhi (una volta aperti), l’insulina, l’ormone della crescita, i vaccini iniettabili, l’eritropoietina vanno tenuti in frigorifero, specie nei mesi più caldi, idem per supposte e ovuli vaginali. I farmaci in frigorifero devono essere opportunamente separati dagli alimenti in un contenitore chiuso, in modo da non poter essere presi dai bambini.

I farmaci che non vanno conservati in luoghi umidi o eccessivamente caldi sono soprattutto quelli che contengono reagenti come ad esempio i test diagnostici per la glicemia, gravidanza e così via. E’ necessario conservare i farmaci per la tiroide, i contraccettivi e altri medicinali che contengono ormoni, in ambienti freschi e a temperatura costante.

Prestate particolare attenzione ai farmaci per il diabete, il cuore, agli antiepilettici e gli anticoagulanti: piccole modificazioni in farmaci come questi possono fare una grande differenza per la salute! Alcune alterazioni che potrebbero verificarsi in antibiotici e nell’aspirina potrebbero causare danni ai reni o allo stomaco.

Evitate l’uso di contenitori porta-pillole non esplicitamente destinati al trasporto di farmaci ed estraete dal contenitore originale solo la dose giornaliera. Quando si parte per le vacanze, si decide spesso di mettere tutti i farmaci insieme privati della loro scatola e del loro bugiardino. Ebbene, questa operazione non va fatta per non avere difficoltà a riconoscere la data di scadenza, la tipologia del medicinale e il dosaggio.

Non assumete un farmaco che vi sembra abbia un aspetto diverso dal solito o che presenti dei difetti come presenza di particelle solide in sospensione o sul fondo, cambio di colore o odore, modifica di consistenza, senza aver consultato il medico o il farmacista. Tenete comunque presente che non sempre l’aspetto, l’odore o il colore rivelano se si è verificata un’alterazione, per cui è fondamentale conservare sempre in modo corretto il farmaco.

Fate attenzione ad alcuni farmaci – in particolare antibiotici (tetracicline, chinolonici), sulfamidici, contraccettivi orali (pillola), antinfiammatori non steroidei (FANS), prometazina (antistaminico) – che possono causare reazioni da fotosensibilizzazione (dermatiti, eczemi, ecc.) a seguito dell’esposizione al sole. Evitate anche l’esposizione al sole dopo l’applicazione di gel/cerotti a base di ketoprofene (fino a due settimane dopo il trattamento) o creme a base di prometazina, spesso utilizzate per le punture di insetti o allergie cutanee ed in caso lavare accuratamente la zona interessata per evitare la comparsa di macchie o ustioni.
Infine, non utilizzate intorno agli occhi prodotti che con il calore potrebbero entrare a contatto con la superficie oculare come creme o pomate non idonee all’uso oftalmico.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA