Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Cos'è la Sindrome di Charge e quali sono le associazioni che possono aiutare le famiglie

Mamma - 12 aprile 2018 Vedi anche: Pediatria

La sindrome di Charge è una malattia genetica rara non ancora curabile, per fortuna però ci sono le associazioni che assistono le famiglie per accompagnarle in questo percorso difficile Ecco tutto quello che c’è da sapere!

La sindrome di Charge è una malattia genetica molto rara che è causa di cecità e sordità associate ed è dovuta a un difetto nello sviluppo embrionale con una trasmissione di tipo familiare, anche se nella maggior parte dei casi la malattia non sempre si manifesta con tutti i sintomi. Colpevole di questa patologia genetica è un gene che codifica una proteina fondamentale appunto nella fase dello sviluppo embrionale. Vediamo di saperne di più sulla sindrome di Charge, ma soprattutto vediamo quali sono le associazioni che possono aiutare e sostenere le famiglie.

I sintomi della Sindrome di Charge

Questa malattia si può manifestare con sintomi molto diversi, ma non è detto che presentino tutti nello stesso momento. I più diffusi sono ovviamente i difetti visivi e quelli all’udito, a cui possono aggiungersi problemi cardiaci, ritardo nella crescita e nello sviluppo, malformazioni dei genitali e anche problematiche alle cavità nasali.

Cure delle Sindrome di Charge

Purtroppo non esiste una cura definita ma è possibile alleviare la sintomatologia con interventi chirurgici, che spesso si rendono indispensabili già durante i primi mesi di vita. Nel corso del tempo le condizioni di salute tendono a stabilizzarsi. Questi bambini, però, con un’educazione adeguata e un’assistenza che lo sia altrettanto riescono comunque a condurre una vita tendenzialmente normale seppure con le difficoltà del caso, anche se spesso sono i genitori che hanno bisogno di sostegno ed è proprio per questo che sono nate diverse associazioni di supporto. Una delle più specializzate e ben strutturate è l’associazione Lega del Filo d’oro che si occupa dei bambini che non sentono e non vedono. Esiste poi anche l’associazione Charge, che si occupa a 360° di questa malattia e che con vari progetti cerca di supportare le famiglie che affrontano le difficoltà del caso. Anche Telethon, inoltre, ha finanziato diverse ricerche, ma non esiste ancora una cura.

LEGGI ANCHE:

8 cose da sapere sulla sindrome di down

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA