Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Corso preparto: a cosa serve e quando farlo?

Mamma - 25 agosto 2017

Siete in dolce attesa? Allora dovete sapere tutto, ma proprio tutto, sul corso preparto, a cosa serve, quando farlo e perché è importante seguirlo. Ecco tutte le informazioni del caso!

Il corso preparto è un percorso riservato alle future mamme per imparare a conoscere ed affrontare con più consapevolezza tutti i passi che si presentano al momento del parto. Si tratta di corsi facoltativi, ma è molto importante sapere a cosa serve e quando fare il corso preparto.

A cosa serve un corso preparto?

Un corso preparto è certamente consigliato a tutte le future mamme, sia che esse siano o meno alla prima gravidanza. Molto spesso le informazioni che si hanno sulla gravidanza vengono reperite su Internet o dal confronto con altre donne, pertanto si hanno solo nozioni frammentate di esperienze che, solitamente, sono semplicistiche o tragiche.

Attraverso un corso di preparazione al parto, invece, tutte le informazioni vengono fornite da specialisti che, oltre ad una formazione professionale, posseggono anche un bagaglio di esperienze e che possono pertanto offrire tutti i migliori consigli per affrontare la gravidanza al meglio.

Anche per le mamme alla seconda o terza gravidanza, un corso potrebbe essere utile, in quanto hanno l’opportunità di conoscere ed imparare eventuali manovre che non erano in uso ai tempi delle gravidanze precedenti, come ad esempio nuove metodologie di ginnastica, posizioni o allattamento.

Quando fare un corso preparto?

Un corso preparto inizia solitamente intorno al settimo mese di gravidanza e continua fino a pochi giorni prima del lieto evento. Per chi, invece, fosse interessato al corso di gravidanza, quello viene istituito a partire dal quarto mese e, diversamente da quello preparto, è incentrato a fornire tutte le informazioni relative allo sviluppo del feto, alla corretta alimentazione ed a tutti gli esami da effettuare.

LEGGI ANCHE:

Corsi preparto, cosa aspettarsi

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA