Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Rimedi della nonna contro i punti neri: maschere e trattamenti fai da te

Bellezza - 21 aprile 2014 Vedi anche: Trattamenti viso fai da te

Tutti i rimedi della nonna contro i punti neri. Ecco le maschere e i trattamenti naturali più efficaci con le ricette di bellezza fai da te.

I punti neri rappresentano la fase pre-acne, fase in cui i batteri penetrano nei pori e portano infiammazioni alla sede del ristagno. Queste prime forme di lesioni si verificano in genere nella pubertà a causa dell’assetto ormonale che cambia la produzione di sebo e la texture della cute stessa. L’eccesso di stimolazione da parte degli ormoni ad opera delle ghiandole sebacee porta alla produzione di sebo nei pori e provoca la formazione di punti neri.

Di solito di colore giallo o nero e possono comparire non solo sul viso, ma anche su schiena,  collo e in altre zone che sono ricche di ghiandole sebacee.

Rimuovere i punti neri con i rimedi della nonna

  1. Il primo rimedio è più che altro un consiglio:  i punti neri non vanno nè spremuti nè manipolati in  alcun modo. Ciò contribuirà a ridurre le cicatrici da acne e le conseguenti infezioni.
  2. Trattamento di pulizia dei punti neri con il vapore. Il vapore è il rimedio migliore da utilizzare costantemente contro i punti neri perché permette ai pori di aprirsi naturalmente facendo uscire il sebo in eccesso. Senza la stimolazione del poro, infatti, può essere perfettamente inutile strofinare la pelle con un sapone che sciolga il sebo, poiché non andrebbe in profondità.
  3. E’ anche vero, tuttavia, che la produzione di punti neri va bloccata con una corretta alimentazione, una buona igiene della pelle e con prodotti farmaceutici sebo regolatori. In particolare, l’uso di alcol e il fumo sembrerebbero associati alla maggiore produzione di punti neri.
  4. Per fare un buon trattamento al vapore, basta mettere l’acqua bollente in una bacinella e porre il viso o la zona da trattare sotto il vapore acqueo coprendo la testa con un grande asciugamano pulito. Restare in questa posizione per circa 5 – 10 minuti. Quando i pori della pelle saranno completamente aperti, si può rimuovere il sebo in eccesso delicatamente con l’asciugamano o con una garza sterile premendo leggermente nella zona circostante per favorire la fuoriuscita del sebo. Il trattamento va terminato spruzzando dell’acqua fredda sul viso al fine di restringere i pori immediatamente. Se si effettua questo trattamento una volta alla settimana, si dovrebbe migliorare la condizione dei punti neri.

Maschera all’uovo fai da te contro i punti neri

L’applicazione di una maschera all’uovo è un rimedio della nonna molto efficace per ridurre i punti neri. Per preparare questa maschera, sono sufficienti un albume d’uovo e un cucchiaio di farina.

Mescolare i due ingredienti, applicare sul viso asciutto aspettare, quindi risciacquare. Per ottenere risultati ancora migliori si può anche applicare subito dopo la maschera all’uovo, quella all’argilla verde.

Rimedi punti neri viso e naso

  • L’infuso di alchemilla, così come il latte detergente, aiuta a combattere efficacemente i punti neri. Per la preparazione basta far bollire 50 grammi di alchemilla in acqua minerale per 10 minuti e passare sul viso con un batuffolo pulito dopo aver fatto un trattamento al vapore per aprire i pori.
  • Anche l’infuso o l’olio essenziale di calendula passato sulla pelle combatte i punti neri e l’acne. In generale, l’uso di oli essenziali o olio di oliva e ricino sono molto efficaci nel combattere i punti neri. L’olio di oliva, infatti, grazie alla sua parte acida scioglie il sebo solidificato e pulisce il poro dall’interno. Eventualmente si  può utilizzare l’olio di ricino è un ottimo rimedio contro il sebo in eccesso e i punti neri.

In sintesi, se volete ottenere ottimi risultati con questi rimedi naturali contro i punti neri, fate così:

  1. Iniziate con un buon trattamento a vapore per aprire i pori
  2. Pulite la pelle accuratamente con un asciugamano pulito o garze sterili
  3. Fate una maschera all’albume e farina oppure una maschera all’argilla se soffrite di pelle grassa
  4. A questo trattamento, alternate una volta a settimana il massaggio all’alchemilla o alla calendula (quest’ultimo se avete cicatrici è meglio del primo) alla pulizia accurata con olio di ricino o di oliva
  5. Siate regolari nello struccarvi e nel lavarvi con saponi poco alcalini

Articolo scritto da: Danila T.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA

  • Inserito da Giubonf

    Grazie per l’artico.
    Ma una pulizia del viso fai da te?
    Mi date un consiglio?

  • Inserito da Axolina

    ie sicuramente proverò

  • Inserito da Federica_90

    grazie mille!

  • Inserito da Federica

    l’olio d’oliva va utilizzato al posto del latte detergente o in seguito? dopo l’applicazione serve un risciacquo?
    Grazie

    • Inserito da Redazione

      Il trattamento con olio d’oliva non deve essere fatto assolutamente tutti i giorni ma al massimo una volta a settimana in occasione della pulizia profonda del viso. Il latte detergente deve essere usato quando ci si strucca, quotidianamente, seguito da risciacquo e crema idratante. Per quanto riguarda l’uso degli olii naturali spieghiamo in questo articolo (http://www.donnaclick.it/bellezza/maschera-pulizia-viso-olio-aspirina-pur-zucca.htm) come si può eseguire una buona pulizia con olio o con il mix di olii. Se non si vuole fare il mix comunque, l’olio di oliva va passato delicatamente con l’ausilio del vapore per farlo penetrare bene nei pori. Attenzione alle scottature però! La pilizia deve essere molto delicata e eseguita con cura.

  • Inserito da Sognatrice

    Ho capito,grazie per la risposta esauriente e complimenti per l’articolo.

  • Inserito da Sognatrice

    Ma a me risulta che gli olii(ricino,oliva ecc.)siano potenzialmente comedogeni..e quindi che al contrario di quello detto favoriscono la comparsa di punti neri…O NO?

    • Inserito da Redazione

      Grazie per l’osservazione. Anche se potrebbe sembrare così, l’olio, se usato come detergente, svolge la funzione solvente del grasso e riesce a detergere in profondità. Come spieghiamo in questo articolo, l’olio, sia di oliva, sia di ricino è uno dei trattamenti erboristici naturali, maggiormente efficaci contro le cisti sebacee perchè, grazie alla sua particolare gradazione, scioglie e pulisce, aiutando i punti neri a uscire dal poro compresso. Anche se nell’immaginario comune non è così, gli olii naturali sono dei potenti elementi di pulizia. Inoltre, l’acido ricinoleico, contenuto nell’olio di ricino si è dimostrato essere efficace nel prevenire la crescita di numerose specie di virus e batteri. Ciò spiega l’alto grado di successo nell’uso topico dell’olio nel trattare malattie quali infiammazioni cutanee, abrasioni, infezioni da funghi alle unghie, acne e prurito cronico.