Belve, Marcella Bella racconta di aver colpito Lory Del Santo: il motivo incredibile

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Nella puntata di Belve dello scorso martedì 16 aprile, Francesca Fagnani ha intervistato Marcella Bella punzecchiando l’artista su diversi temi: l’amore, la gelosia, il lavoro. L’artista, tuttavia, ha risposto “per le rime”. Scopriamo, di seguito, cosa ha rivelato la cantante di “Montagne Verdi”.

Marcella Belve, icona gay ma non conosce l ’acronimo LGBTQIA+

Marcella Bella si è raccontata sotto il profilo privato, tra punzecchiature subite e ricevute dalla padrona di casa Francesca Fagnani ma non solo. La prima “belvata” l’ha trovata impreparata sull’acronimo LGBTQIA+. “Sono un’icona gay anche se non mi piace dire questa frase. Ce ne sono tanti di omosessuali tra i miei ammiratori. Non ho attestati ma aspetto questa coppa”, aveva dichiarato la cantante. Poi, però arriva il momento della verità: alla richiesta di “sciogliere l’acronimo LGBTQIA+” la Bella si ferma alla seconda lettera.

Marcella Bella accusa Anna Tatangelo di plagio

Arriva poi il momento di parlare di lavoro e le cose si fanno più serie. A metà intervista. infatti, la cantante ha accusato Anna Tatangelo di avere copiato la canzone “Bastardo”, portata a Sanremo: “Due anni prima avevo cantato ‘Uomo bastardo’ e due anni dopo ha cantato una canzone simile pensando di essere la sola. Certo che se ne era accorta, figuriamoci. La mia era più bella perché originale, non l’aveva mai cantato nessuno”.

“Ama non mi ama”

Ma non è tutto. Sanremo è una nota dolente per l’artista che continua: “A Sanremo non mi prendono nonostante le belle canzoni. Per 5 anni non sono stata nella rosa dei cantanti scelti, forse Ama non mi ama. Baglioni è stato prima ma in questi 5 anni ho mandato canzoni su canzoni tutti gli anni”.

“Ho colpito Lory Del Santo che parlava all’orecchio di mio marito”

Un altro aneddoto raccontato dall’artista fa riferimento a un incontro-scontro con Lory Del Santo: “Arrivò, si inginocchio è parlò all’orecchio di mio marito. Lui era terrorizzato e, a mia domanda, mi disse che non l’aveva mai vista. Lei se ne andò ma dopo mezz’ora tornò lì a parlargli di nuovo all’orecchio. Non ci ho più visto: ho tolto la scarpa per dargliela in testa mentre mio marito mi teneva”. Terminò male: “Le diedi dei colpi sulla schiena e le chiesi se conosceva mio marito. Mi disse che non lo conosceva e a quel punto la invitai ad andarsene senza guardarsi indietro”.


‘Nell’aria’, la canzone con il doppio senso


Senza addentrarsi eccessivamente nel doppio senso, Bella ha inoltre provato a chiarire il celebre doppio senso contenuto nel testo della canzone Nell’aria. “Spero solo che non bussi un uomo adesso. Mi comporterei come non vorrei. La mia mente è chiara, ma a volte è più forte il sesso. La mia gatta è ancora lì, non parla ma dice sì”, recita la strofa a proposito della quale la cantante dice: “Parla di una donna molto passionale che avrebbe voglia di avere vicino un uomo ma che in quel momento non c’è. Non mi faccia dire cose di cui mi posso pentire. Quando l’ho cantata per me parlavo di una gatta. Non ho dato nessun peso a quel doppio peso che c’era. C’era una donna che aveva un certo…Mi devo frenare, non vorrei scivolare proprio adesso sul prurito”.

Bella a Fagnani: ” Si è trasformata nell’erario?”


L’atmosfera si è scaldata quando la Fagnani ha chiesto a Bella di spiegare la vicenda dell’indagine ricevuta dal fisco che la cantante sostiene si sia risolta con delle scuse ufficiali. “Certo che mi hanno chiesto scusa, ho parlato con la persona responsabile che si è scusata con me. Ho risposto che le scuse non valgono quando si sparano i titoli al tg. Il reato era prescritto? No, anche lei è male informata. Avevano preso un granchio. Non c’è stato nulla di prescritto. Si sono scusati e ho accettato le scuse”, è stata la risposta. Quindi, quando Fagnani le ha ricordato alcune delle proprietà che possiede insieme ai suoi familiari, ha glissato: “Sì, avevamo una barca ma ne abbiamo avute tante. Se ho comprato una casa a Ibiza? Ma cos’è, si è trasformata nell’erario?”.

“Senza mia fratello Gianni non avrei cantato”

Infine, un pensiero rivolto al fratello Gianni Bella: “Mi manca un braccio, una mano, le orecchie senza Gianni. Per un grande artista come lui non poter più cantare o scrivere è stato un castigo terribile, un dolore che avrò sempre. Devo tutto a lui, non so neanche se avrei cantato senza di lui. Quando non ci sarò più vorrei essere ricordata per le mie canzoni, quelle che ha scritto mio fratello”.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria