Sanremo 2023, Marco Mengoni al Festival con “Due Vite”

di Romina Ferrante


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Sanremo sta per iniziare e già Marco Mengoni è il più quotato tra i vincitori, insieme a Giorgia e Ultimo. Il cantante di Ronciglione farà il suo grande ritorno sul palco dell’Ariston, a 10 anni di distanza dalla vittoria con la canzone “L’essenziale”.

Potremo ascoltare il suo brano “Due Vite” già domani sera. Secondo l’ordine di uscita il cantante sarà il quarto artista a esibirsi, dopo Anna Oxa, Gianmaria e Mr Rain.

L’artista tenterà così di replicare il successo della sua prima partecipazione a Sanremo, dopo essere stato nel 2022 l’artista più ascoltato nelle radio italiane e con un tour negli stadi già in calendario.

Scopriamo il testo e il significato della sua canzone.

“Due Vite”, il significato

Il brano scritto da Marco Mengoni insieme a Davide Petrella e Davide Simonetta, è un racconto per immagini e suggestioni di un amore che resiste, un amore tra due persone che hanno bisogno l’una dell’altra e che si alimenta di grandi e piccoli gesti, oggetti di vita quotidiana, immagini realistiche e mondi onirici.

La canzone è una ballata sulla forza dell’amore, ma anche una riflessione su questa doppia vita, su questa eterna lotta tra conscio e inconscio, tra il mondo reale e il mondo dei sogni che viviamo ogni giorno.

Una riflessione sulla crescita personale e sul difficile rapporto con se stessi, tra errori, fallimenti, momenti di noia e battute d’arresto sullo sfondo di un’esplosione lunare.

Sei su Telegram? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Il testo della canzone

Ecco le parole della canzone “Due vite” con cui Marco Mengoni sarà in gara a Sanremo:

Siamo i soli svegli in tutto l’universo
E non conosco ancora bene il tuo deserto
Forse è in un posto del mio cuore
Dove il sole è sempre spento
Dove a volte ti perdo
Ma se voglio ti prendo
Siamo fermi in un tempo così
Che solleva le strade
Con il cielo ad un passo da qui
Siamo i mostri e le fate
Dovrei telefonarti
Dirti le cose che sento
Ma ho finito le scuse
E non ho più difese
Siamo un libro sul pavimento
In una casa vuota
Che sembra la nostra
Il caffè col limone
Contro l’hangover
Sembri una foto mossa
E ci siamo fottuti ancora una notte
Fuori un locale
E meno male
Se questa è l’ultima
Canzone e poi la luna esploderà
Sarò lì a dirti che sbagli ti sbagli e lo sai
Qui non arriva la musica
E tu non dormi
E dove sarai
Dove vai
Quando la vita poi esagera

LEGGI ANCHE: Sanremo 2023, le anticipazioni della prima serata: big, ospiti e Intervista – Marco Mengoni – Sanremo 2023

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il 27 maggio del 1999 usciva “50 Special”, il brano d’esordio dei Lùnapop dedicato alla celebre Vespa e scritto da un giovane studente bolognese, Cesare Cremonini. Il singolo, prodotto dalla Universo, una piccola etichetta indipendente romana, diventerà, però, presto un tormentone musicale, cantato e ballato dai giovani ad ogni occasione, segnando così per la band […]