Renato Zero a cuore aperto da Mara Venier: “Nel sogno ho parlato con mia madre morta”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Ospite nel salotto di Domenica In, Renato Zero si è raccontato in una lunga e toccante intervista, andata in onda domenica 10 dicembre. L’artista ha parlato a ruota libera della sua vita, dagli esordi difficili alle gioie del successo, fino al dolore per la perdita della madre.

Il successo e l’amore dei fan

“Il successo può annientarti, se non lo sai gestire” ha detto Renato ospite da Mara Venier. Lui ha imparato a conviverci grazie all’affetto quotidiano dei fan: “Con loro ho un rapporto speciale, sto poco a casa perché preferisco il contatto con il pubblico”.

Il dolce ricordo della madre

Particolarmente toccanti le parole su sua madre, figura fondamentale. Se riesco a sognarla? L’ho sognata una volta sola. Stava sul pontile di Ostia e si affacciava verso il mare. Aveva i capelli neri con le righine bianche e questo cappello a larghe falde che mamma adorava. A un certo punto si è girata e ho visto che era mamma. E allora le ho fatto un po’ di domande. Le ho chiesto: “Hai sofferto quando sei andata via?”. E lei: “No amore, io sono andata via molto prima di quello che voi immaginate”. Poi, mentre parlavo con lei – questo lo dico perché si vedono Madonne, si cercano santi e miracoli – ho avuto questo ardire di chiedere a Dio di aprire gli occhi e di continuare a dialogare con mia madre e l’ho fatto per buoni sei minuti. Mi ha lasciato la serenità di sapere che se tu hai amato in modo così totale, la gente non va via.

I Natali spensierati di un tempo

Il cantante ha raccontato che nella sua famiglia la vera festa era il 24 dicembre, il giorno della Vigilia di Natale: “È questo avvicinarsi alla rinascita, al voltare pagina. Il 24 è il punto di raccolta dei sentimenti, degli affetti, le famiglie si ritrovano”. E ha aggiunto come all’epoca non ci fosse il consumismo di oggi, lanciando un appello alle casalinghe che oggi si indebitano per oggetti comprati a rate su internet: “Farò danni, ma attenzione a non fare il passo più lungo della gamba”.

L’appello per salvare la musica

Infine un accorato appello per salvare la musica, oggi soppiantata dal digitale. Renato si rammarica che i giovani scarichino canzoni senza conoscere artisti e autori. E invita le case discografiche a riportare al centro il valore degli album, delle copertine, dei testi. Perché la musica è l’anima e va vissuta pienamente.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria