Tutti i benefici della pedalata in acqua

di Claudia Scorza


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La pedalata in acqua è un ottimo modo per tenersi in forma in modo piacevole andando a sfruttare la resistenza dell’acqua. Attraverso questo sport sarà possibile tonificare i muscoli delle gambe e perdere peso in maniera efficace.

Con l’hydrobike si possono ripetere tutte le posizioni base, come la seated flat, posizione seduta con busto allungato in direzione del manubrio, su cui poggiano le mani ad una distanza ravvicinata, la seated climbing che permette di eseguire una pedalata in salita in acqua da seduti o il jumpin, dove tutto il corpo si protrae verso il manubrio, facendo lavorare molto i glutei alternando alzate e sedute. L’attività di hydrobike di solito dura circa 45 minuti effettuando pedalate a tempo di musica.

Una novità interessante per pedalare in acqua è la pedalata in acqua in cabine individuali, rimanendo immerse nell’acqua fino alla vita e massaggiate da getti di acqua che stimolano la circolazione e migliorano il sistema linfatico, andando dai polpacci fino alla vita.

Tutto questo avviene dentro a un guscio individuale collocato in una stanza, dove si pedala in acqua su speciali biciclette scegliendo l’intensità della pedalata, la temperatura dell’acqua, che va dai 18 ai 30°, e la potenza dei getti che stimolano autonomamente la circolazione effettuando un potente idromassaggio. Inoltre, la presenza di ozono nell’acqua facilita il rinnovo delle cellule dell’epidermide rendendo la pelle liscia e levigata.

In linea generale, possiamo dire che i benefici più evidenti della pedalata in acqua che possiamo riscontrare sono la tonificazione delle gambe, l’attivazione della circolazione, l’accelerazione del metabolismo, un assottigliamento del girovita e delle gambe e il consumo di calorie.

Come possiamo vedere, i benefici della pedalata in acqua riguardano diversi sistemi del nostro corpo, come il sistema muscolare, respiratorio, articolare, cardiovascolare e il sistema nervoso. Infatti, pedalare in acqua aiuta il cuore poiché permette di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, ed è inoltre indicato per contrastare gli inestetismi della cellulite, visto che riproduce un vero e proprio massaggio idrico.

Inoltre, effettuare sport in acqua permette di non pesare sulla colonna vertebrale senza agire con violenza sulle articolazioni. Attraverso questo movimento si effettua un maggior consumo di energie, infatti per un’ora di bicicletta fuori dall’acqua si consumano circa 700 Kcal, mentre nell’acqua si bruciano circa 1350 Kcal.

Leggi anche:

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]